Home Imprese Sostenibili RAEE musicali: fare regali utili pensando all’ambiente

RAEE musicali: fare regali utili pensando all’ambiente

città: Milano - pubblicato il:
riciclo raee remedia

riciclo raee remediaA Natale tra i regali più comprati ci saranno sicuramente telefoni cellulari, lettori mp3 e altri apparecchi musicali: questa scelta creerà inevitabilmente “montagne” di raee musicali, ovvero di vecchi aggeggi elettronici di cui ci si dovrà disfare.

Impianti stereo, autoradio, mangiacassette, lettori per dischi in vinile e cd, il genere di apparecchi musicali che tra il 1980 e i primi anni 2000 rappresentavano il regalo più cercato nei negozi specializzati, oggi sono chiaramente obsoleti.

Il cambiamento di gusti musicali ha creato rifiuti RAEE

Secondo un’analisi commissionata dalla Federazione Industria Musicale Italiana a Price WaterhouseCooper, il calo generalizzato delle vendite di stereo, mangianastri e autoradio ha avuto inizio già nel 2004, mentre, qualche anno più tardi, hanno cominciato a diminuire anche le vendite dei cd a causa della diffusione dello streaming musicale.

Questi dati mostrano chiaramente l’importante cambiamento avvenuto nel mercato musicale che, al di là dei trend in termini di vendite, ha creato un gran numero di rifiuti raee, ovvero di apparecchi elettronici inutilizzati, perché considerati fuori moda, obsoleti o semplicemente poco pratici rispetto ai nuovi prodotti.

Nonostante la perdita di interesse verso questi prodotti – che mantengono un certo apprezzamento in campo collezionistico – si dovrebbe sapere che attraverso il loro riciclo, questi apparecchi possono dare ancora valore.

Il riciclo dei raee produce ricchezza di materiali pregiati

I raee musicali, infatti, se correttamente differenziati possono venire avviati al riciclo presso impianti di trattamento specializzati per ottenere materiali come ferro e alluminio, vetro e plastica, pronti per essere riutilizzati per creare nuovi oggetti tecnologici al passo con i cambiamenti della tecnologia.

Per esempio, il riciclo di uno stereo da 2,5 kg può evitare l’immissione di 4 kg di CO2 e recuperare fino al 94% di materiali: 1,4 kg di plastica, 0,5 kg di ferro, 0,18 kg di rame e 0,23 kg di alluminio.

Nel breve video qui sotto, realizzato da remedia, il consorzio nazionale per la gestione eco-sostenibile dei raee, potete vedere nel dettaglio i benefici di questa attività di riciclo degli apparecchi elettronici musicali.

Come conferire al riciclo correttamente i raee?

Oggi non è più un problema conferire i rifiuti elettronici al riciclo: il consumatore ha molte possibilità per fare una corretta raccolta differenziata dei raee a beneficio dell’ambiente.

Esistono, infatti, tre modalità per conferire i propri rifiuti tecnologici:

  1. portarli al centro di raccolta RAEE più vicino a casa cercando online l’eco-piazzola più comoda
  2. utilizzare il servizio 1 contro 1 che consente, acquistando un nuovo prodotto equivalente, di conferire gratuitamente un apparecchio elettronico non più funzionante presso un qualunque punto vendita
  3. usando il servizio 1 contro 0, grazie al quale i consumatori possono portare un prodotto elettronico a fine vita di dimensioni inferiori ai 25 cm presso un grande punto vendita (con superficie di vendita di apparecchiature superiore ai 400 mq) senza obbligo di acquisto di un prodotto nuovo

Insomma, per questo Natale, fate due regali: un apparecchio musicale nuovo, ma in cambio di uno vecchio avviato correttamente al riciclo per ridurre le emissioni di CO2 per fare del bene anche all’ambiente!

Condividi: