Home Eventi Conto termico: le novità della nuova norma europea

Conto termico: le novità della nuova norma europea

città: Trento - pubblicato il:
conto termico 2.0

conto termico 2.0La nuova norma europea sul conto termico, definita 2.0, entrata in vigore dal 31 maggio, punta a potenziare e a semplificare i meccanismi di sostegno al settore pubblico e alle imprese incentivando gli interventi per l’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Nel corso di un convegno tenutosi a Trento, all’interno del progetto Finerpol del programma Interreg Europa, si sono discussse le novità e i meccanismi di funzionamento introdotti dal nuovo conto termico 2.0 e, più in generale, da tutti gli strumenti messi in campo per stimolare la riqualificazione energetica degli edifici, sia nel settore pubblico sia in quello privato.

L’incontro è stato inoltre l’occasione per elencare i traguardi che la provincia di Trento ha già raggiunto, per esempio la produzione del 35% dell’energia da fonti rinnovabili, e quelli futuro, come la riduzione dell’emissione di CO2 del 90%, entro il 2050.

Strumento fondamentale per ottenere i risultati auspicati dal nuovo conto termico sarà il progetto Finerpol, finanziato con fondi europei, che si propone l’obiettivo di perfezionare e aggregare le diverse forme di contributo e tutte le opportunità offerte nel settore, mettendo a punto delle linee guida che saranno a disposizione di tutti gli interessati.

Al momento gli strumenti messi a disposizione dalla provincia di Trento stanno aiutando a rimettere in moto il settore dell’edilizia dando al tempo stesso un contributo importante alla riduzione dell’inquinamento.

Nel corso del convegno è stato discusso anche l’iter pratico per la presentazione di una domanda al Gse per la riqualificazione di impianti termici a biomasse, per ottenere, da parte degli enti locali, degli incentivi e alcuni esempi concreti di convenienza del conto termico nella pubblica amministrazione.

L’assessore alle infrastrutture e all’ambiente della provincia di Trento, Mauro Gilmozzi, in apertura dei lavori ha ricordato che “risparmio energetico e riduzione delle emissioni nocive nell’atmosfera sono due facce della stessa medaglia. Puntare alla riqualificazione energetica degli edifici significa ridare slancio al settore dell’edilizia all’insegna della qualità, dell’innovazione. Grazie allo strumento del conto termico 2.0 il pubblico può ottenere grandi vantaggi. Stiamo costituendo una Task Force affinché nel 2017 il loro utilizzo diventi un obiettivo prioritario dei comuni e degli altri enti, assieme alle realtà commerciali e dell’alberghiero. La vera decrescita, di cui tanto si è parlato in questi anni, è questa: non una decrescita dell’economia, ma una decrescita degli sprechi e dei consumi energetici”.

Condividi: