Home Smart City Una nuova illuminazione per il Duomo di Milano

Una nuova illuminazione per il Duomo di Milano

città: Milano - pubblicato il:
illuminazione duomo di milano

illuminazione duomo di milanoNuova vita per il Duomo di Milano per il quale, in occasione delle feste natalizie, è stata inaugurata la nuova illuminazione led della facciata.

Per permettere ai turisti italiani e stranieri di ammirare la splendida facciata del Duomo di Milano sono stati previsti 56 proiettori a fascio strettissimo (6°) divisi in 2 batterie da 28 ciascuna: gli apparecchi sono stati installati in posizione defilata sui cornicioni dei palazzi di fianco al Duomo per evitare fenomeni di abbagliamento.

Inoltre, per non alterare gli equilibri luminosi all’interno della piazza, i valori di illuminamento sono stati mantenuti nell’ordine dei 100lx medi.

Per ottenere il corretto puntamento dei proiettori la sagoma della facciata è stata divisa in 24 settori all’interno dei quali sono stati individuati i punti di proiezione di ciascun apparecchio.

Dopo l’inaugurazione del nuovo impianto interno al Duomo di Milano nel maggio 2015, la Veneranda Fabbrica, grazie all’utilizzo delle più avanzate tecnologie aveva deciso di dare nuova luce anche alla parte esterna del monumento; il progetto definitivo, grazie alla collaborazione del Comune di Milano e di A2A, affidato allo studio Ferrara Palladino e associati, già progettista del vecchio impianto esterno e dell’illuminazione interna, è stato quindi consegnato e approvato in Soprintendenza alla fine di aprile 2016.

“Siamo orgogliosi di aver partecipato a dare nuova luce al Duomo di Milano, la cattedrale nella quale tutti a Milanesi si riconoscono. Stiamo cambiando le luci della città usando i led che sono più efficienti, non potevamo tralasciare il più importante e simbolico dei monumenti. Davanti alla sua bellissima facciata tutti, almeno una volta, hanno dato appuntamento a un compagno di scuola, un amico, un parente, il primo amore: da oggi è ancora di più un punto di riferimento per tutti” ha dichiarato l’assessore Marco Granelli.

Per il rifacimento dell’illuminazione della Madonnina, della facciata e delle vetrate, gli operai rocciatori della Fabbrica hanno realizzato ancora una volta l’impossibile, perché quando si parla del Duomo di Milano, con le sue 3.400 statue e le sue 135 guglie, non esistono vie banali ma bisogna avere il coraggio di assumersi le proprie responsabilità.

Condividi: