Home Imprese Sostenibili Mobilità urbana sostenibile: la PA passerà all’elettrico

Mobilità urbana sostenibile: la PA passerà all’elettrico

città: Trieste - pubblicato il:
mobilità urbana sostenibile

mobilità urbana sostenibileIn Friuli Venezia Giulia si sta lavorando a un progetto di mobilità urbana sostenibile che porterà a sostituire i veicoli utilizzati dalla Pubblica Amministrazione con vetture elettriche.

È questo l’obiettivo del progetto NeMo Fvg, finanziato dal programma Horizon 2020 con 900.000 euro, per il quale saranno inoltre investiti oltre 14 milioni in tre anni.

Il nuovo modello di mobilità urbana sostenibile prevederà quindi la dismissione di circa 800 veicoli, alimentati a benzina o diesel, delle flotte aziendali degli Enti pubblici del Friuli Venezia Giulia e la loro sostituzione con 560 vetture elettriche da acquistare o da utilizzare a noleggio o con la modalità del car sharing.

La scelta della regione punta quindi a diventare un esempio d’avanguardia a livello europeo nella transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio e una mobilità urbana sostenibile, riducendo l’inquinamento causato dai veicoli a motore.

I finanziamenti destinati al progetto NeMo saranno in buona parte destinati all’installazione di diverse colonnine di ricarica e alla sostituzione di vecchi veicoli di proprietà della PA con un servizio di mobilità basato su veicoli elettrici. L’intervento sarà preceduto da un’analisi delle esigenze di mobilità e delle flotte di veicoli disponibili e da un piano per la razionalizzazione del numero di veicoli.

Attualmente la PA regionale gestiscono almeno 1.500 autovetture che viaggiano per 50-100 chilometri al giorno, prevalentemente in ambito urbano; sono molto interessanti i dati raccolti da una prima analisi:

  • il 70% dei veicoli è sottoutilizzata hanno una percorrenza inferiore a 10.000 km/anno
  • 530 veicoli hanno più di 10 anni e 320 veicoli hanno più di 15 anni
  • per almeno 380 veicoli mancano dati su anno di immatricolazione e/o percorrenza
  • solo una minima parte di questi veicoli sono auto blu-blu con autista

Il progetto NeMo, oltre alla riduzione delle emissioni di CO2, delle polveri sottili e della rumorosità dovute all’inquinamento urbano, si propone anche un aumento della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

La squadra al lavoro sul progetto di mobilità urbana sostenibile è composto dalla Direzione centrale ambiente ed energia della Regione, dall’Università di Trieste, da BIT-Servizi per l’investimento sul territorio, da Aniasa – Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi – e Promoscience.

Condividi: