Home Imprese Sostenibili Indipendenza energetica anche senza un impianto fotovoltaico

Indipendenza energetica anche senza un impianto fotovoltaico

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020
impianto fotovoltaico sonnen - energia accumulata dal sole

impianto fotovoltaico sonnenUn’idea innovativa, già attiva in Germania dove sonnen offre una soluzione di accumulo casalingo che consente di avere l’indipendenza energetica pur non avendo un proprio impianto fotovoltaico.

In Germania infatti, anche coloro che vivono in un condominio e non hanno la possibilità di installare un impianto fotovoltaico, possono utilizzare i sistemi di accumulo sonnen e della tariffa sonnenFlat city che offrirà elettricità gratuita per 10 anni.

Se finora, infatti, lo scambio sul posto dell’energia elettrica prodotta attraverso un impianto fotovoltaico, era possibile solamente per i proprietari di abitazioni indipendenti, con la nuova offerta sonnen, entrando a far parte della sonnenCommunity si potrà ottenere, accumulare e utilizzare elettricità gratuita senza aver bisogno di generare la propria.

Questo grazie al sistema sonnenBatterie city che può essere installato in qualsiasi appartamento e consente di accedere alla sonnenCommunity ricevendo 2.200 kWh di elettricità gratuita e garantita ogni anno per i 10 anni successivi; il sistema consente inoltre di risparmiare circa 300 kWh l’anno grazie al gestore di energia smart incorporato.

I vantaggi di un impianto fotovoltaico senza averlo

L’idea del sistema sonnen è semplice: invece di preoccuparsi dell’installazione di un impianto fotovoltaico proprio – con i costi e le difficoltà che ne seguono, soprattutto in caso non si viva in un’abitazione indipendente – ci si può abbonare alla sonnenCommunity, un network di produttori e di consumatori di elettricità da fonti rinnovabili.

La community raggruppa le abitazioni indipendenti dotate di impianto fotovoltaico, gli impianti fotovoltaici a totale immissione in rete, le turbine eoliche, i piccoli impianti biogas, rendendo disponibile l’energia elettrica prodotta anche ai consumatori proprietari di appartamenti condominiali.

Così, se la sonnenCommunity genera più elettricità di quella necessaria, i suoi membri potranno attingere a questa riserva di elettricità per la propria casa e, contemporaneamente, caricare la sonnenBatterie dell’appartamento.

Se invece la community consuma più elettricità rispetto a quella prodotta, l’utenza domestica utilizza l’energia elettrica accumulata nella sonnenBatterie city per fornire elettricità a richiesta.

Inoltre sonnenBatterie city è in grado di bilanciare le fluttuazioni nella rete elettrica pubblica, contribuendo alla sua stabilizzazione: se infatti in rete è presente troppa energia, la sonnenBatterie può convogliare e accumulare l’energia in eccesso, fornendo invece alla rete energia quando serve.

Il servizio di gestione dell’energia è possibile grazie a migliaia di sonnenBatterie digitalmente collegate tra loro; al momento, in Germania, la disponibilità di sonnenBatterie city è limitata a 5.000 unità.

E in Italia a che punto siamo?

Anche da noi sonnen ha lanciato la formula della sonnenCommunity che richiede l’acquisto e l’installazione di una sonnenBatterie eco con capacità minima di 4 kWh o una sonnenBatterie da 4 kWh (questo requisito si applica a tutti coloro che hanno acquistato il prodotto dopo il 9 novembre 2016, data del lancio ufficiale della sonnenCommunity in Italia).

Oltre ai servizi di monitoraggio e aggiornamento e alla fornitura di energia unicamente da fonti rinnovabili sarà incluso anche il servizio Energia: sonnen assorbirà di fatto il costo della bolletta residua tramite un bonus rilasciato direttamente in bolletta, grazie alla convenzione con un fornitore elettrico con il quale il cliente dovrà volturare il proprio contratto luce.

Il valore del bonus copre la spesa di due anni di un’utenza domestica con un consumo stimato di 1.500 kW/anno e con una potenza impegnata pari a 3 kW.

“Stiamo cercando di accelerare l’attivazione e l’integrazione di questi importanti servizi addizionali anche in Italia per far si che l’espansione del mercato degli accumuli avvenga nel più breve tempo possibile fornendo di fatto benefici a tutto tondo, al distributore, ai fornitori e agli utilizzatori” spiega Vincenzo Ferreri, country general manager della filiale italiana di sonnen.

Condividi: