Home Agricoltura 4.0 Bando regionale aree verdi: fondi per aumentare la naturalità lombarda

Bando regionale aree verdi: fondi per aumentare la naturalità lombarda

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
bando regionale aree verdi

bando regionale aree verdi

La Lombardia ha varato un bando regionale aree verdi che permetterà ai proprietari terrieri di sviluppare, di salvaguardare e di valorizzare il sistema rurale-paesistico-ambientale.

Al bando regionale aree verdi, la cui dotazione finanziaria complessiva è di 4 milioni di euro, possono partecipare persone fisiche o giuridiche di diritto privato e persone giuridiche di diritto pubblico, proprietarie di terreni, in ambiti di pianura e collina secondo la classificazione ISTAT.

Questo bando è lo strumento perfetto per le aree protette, tanto che il Parco del Mincio ha subito organizzato un incontro per illustrarlo ai 13 comuni partner dell’asta del Mincio, perché permette di incrementare le aree di natura fruibili da tutti, di correggere il degrado di aree, di realizzare uno degli obiettivi del contratto di fiume attraverso la realizzazione di fasce tampone boscate in grado di trattenere limo e sostanze dai campi ai corsi d’acqua e altro ancora.

Gli interventi finanziabili dal bando regionale aree verdi, suddivisi nelle seguenti tipologie – bosco, sistema verde a prevalenza di bosco, sistema verde con bosco complementare, sistema verde lineare – permetteranno una spesa massima ammissibile di 30.000 euro/ettaro per la realizzazione e 12.000 euro/ettaro per la manutenzione triennale.

Gli interventi previsti comprendono:

  • il recupero della brughiera – spesa massima ammissibile 250.000 euro a progetto
  • il ripristino di suolo fertile – spesa massima ammissibile 200.000 euro a progetto
  • l’acquisto di terreni (solo beneficiari pubblici) – spesa massima ammissibile 200.000 euro più 1.500 euro per la spese notarili

La superficie massima ammissibile delle aree ammesse al bando è di 20 ettari; le domande andranno inoltrate, dal 1 settembre 2017 al 30 ottobre 2017, tramite PEC, alla Direzione Generale Agricoltura di Regione Lombardia all’indirizzo [email protected].

Condividi: