Home Imprese Sostenibili Tessile Green e 4.0: i nuovi trend. Anche per nuove professioni

Tessile Green e 4.0: i nuovi trend. Anche per nuove professioni

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
tessile green

tessile greenSiamo al tessile green e 4.0: anche la moda si avvia verso un percorso sempre più verde.

Con richiesta di nuove professioni competenti anche in tema di sostenibilità.

Lo ha spiegato Aurora Magni – Presidente Blumine, Liuc-Scuola di Ingegneria Università Cattaneo – in occasione del convegno Opportunità Green Jobs.

Il settore sta reimpostando la progettazione e tutta la filiera produttiva nell’ottica di limitare l’impatto ambientale.

Industria tessile green: ecco i trend

I trend di innovazione sostenibile nell’industria tessile riguardano principalmente le materie prime, i risparmi energetici, idrici e il riciclo nei processi produttivi, il management con il controllo della supply chain e la gestione delle certificazioni e l’industria 4.0.

La tecnologia e la ricerca applicate nell’industria tessile green stanno sviluppando processi per fornire materie prime e lavorazioni a basso impatto ambientale.

In particolare, spiega Aurora Magni “L’industria 4.0 sta fornendo nuove soluzioni tecnologiche a supporto dei processi produttivi e gestionali consentendo di ottimizzare risorse e tempo e di ridurre gli sprechi”.

Centrale è anche il tema della gestione della sicurezza chimica, un obiettivo che sollecita una sinergia con le imprese fornitrici e che posiziona i green job soprattutto nell’area della ricerca e dell’innovazione.

E certamente tra le attività trainanti ci sono quelle legate all’economia circolare per la produzione di materie prime derivate dal riciclo, scarti valorizzati da lavorazioni a elevata tecnologia.

È importante infatti valutare il ciclo di vita dei materiali e il grado di sostenibilità in base alle possibilità offerte dal prodotto post consumo.

Sollecitati anche da campagne di sensibilizzazione come quelle di Greenpeace, molti brand di moda oggi chiedono ai fornitori prodotti sostenibili attuando controlli in ingresso.

Vi sono poi altre tendenze che iniziano ad avere un peso nelle scelte dei produttori come i sistemi per la tracciabilità della filiera produttiva e il welfare animale, ovvero l’utilizzo di materie prime cruelty free, richiesti da segmenti sempre più ampi di consumatori.

In questo settore le opportunità green job ci sono. I professionisti più richiesti sono i responsabili della sicurezza chimica (laurea a indirizzo chimico/tecnico scientifico) e i progettisti di prodotti green (laurea nell’ambito del design e dello stile).

Molti sono i campi e gli intrecci fra le varie discipline da sviluppare per fornire all’industria soluzioni e materiali sempre più all’avanguardia che rispondano a necessità estetiche e di qualità nel rispetto del pianeta.

Condividi: