Home Eco Lifestyle A Milano lo Street Food supera la fase sperimentale

A Milano lo Street Food supera la fase sperimentale

street food milano

street food milanoDopo la fase sperimentale dello street food, conclusasi con successo, il Comune passerà immediatamente all’individuazione di altri operatori eno-gastronomici per ampliare l’offerta della nuova esperienza di gusto.

Dal mese di marzo, quindi, nella città metropolitana troveranno casa tutti i sapori e le esperienze dello street food, che già impreziosiscono il soggiorno dei turisti in altre importanti città europee.

Il Consiglio Comunale ha infatti approvato formalmente, con 36 voti favorevoli e un astenuto, la modifica del regolamento comunale per la somministrazione di cibi e bevande in area pubblica, rendendo immediatamente possibile assaporare le ricette da strada della tradizione gastronomica regionale italiana.

La sperimentazione che ha portato alla decisione positiva e definitiva era iniziata con Expo 2015 ed è durata oltre un anno.

La modifica del regolamento comunale permetterà così di indire un bando per 50 autorizzazioni – oltre alle 28 che hanno partecipato alla sperimentazione e che saranno prorogate fino all’approvazione delle nuove graduatorie – della durata di cinque anni per l’esercizio dell’attività di street food all’interno del Municipio 1.

Con un occhio alla sostenibilità però: infatti, tutti i mezzi utilizzati per la vendita dello street food – tricicli o quadricicli – dovranno essere eco-friendly, a trazione a pedali o assistita e a motore elettrico.

Gli operatori dello street food potranno proporre prodotti e peculiarità alimentari provenienti da tutto il mondo ma anche i prodotti DOP, IGP, STG e PAT della tradizione e delle culture italiana e lombarda e prodotti freschi.

Molto soddisfatta Cristina Tajani, assessore al Commercio e Attività produttive del Comune di Milano: “Oggi lo street food rappresenta una modalità di commercio ampiamente diffusa nelle capitali europee e mondiali che a Milano vogliamo si caratterizzi per offerta di qualità con mezzi ecologici (…) vogliamo incentivare quella che non è solo una scoperta dei gusti e dei sapori della nostra tradizione ma anche, e soprattutto, una occasione di lavoro per molti giovani che nello street food hanno trovato la propria opportunità commerciale e occupazionale”.

Condividi: