Home Imprese Sostenibili Qualità dell’aria ed efficienza: un bando del Comune di Milano

Qualità dell’aria ed efficienza: un bando del Comune di Milano

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
qualità dell'aria

qualità dell'ariaUn bando riservato agli edifici residenziali, alle scuole, agli ospedali, alle strutture di accoglienza, culturali, sportive e associative e, per la prima volta, anche ai privati, che mette a disposizione 1 milione di euro per il biennio 2017-2018 per interventi di efficienza energetica per migliorare la qualità dell’aria della città.

Il Comune di Milano, dopo gli interventi legati alla mobilità con l’inasprimento dei criteri di accesso alla Ztl, ha deciso di dare un aiuto concreto a chi decide di investire sulla qualità dell’aria della propria città e sul risparmio energetico degli edifici.

Interessante la particolarità del bando edifici residenziali che, per la prima volta, permette di accedere al finanziamento anche ai privati.

L’iniziativa del Comune di Milano vuole incentivare gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici per favorire la qualità ambientale a Milano: saranno interessati interventi come la sostituzione di impianti di riscaldamento a gasolio con caldaie a metano o altri sistemi meno inquinanti, l’installazione di pannelli solari o fotovoltaici e di isolamenti termici che riguardano la struttura dell’edificio, le finestre e gli infissi.

Il contributo a fondo perduto coprirà fino al 50% delle spese sostenute per un massimo variabile tra i 40 e 70mila euro a seconda della tipologia di intervento realizzato; naturalmente questo contributo è complementare con quello del Governo e non esclude i partecipanti a ricevere le detrazioni fiscali dilazionabili in 10 anni per un valore massimo del 65% del costo dell’intervento.

L’intervento si è reso indispensabile a causa del superamento dei limiti di PM10 in città – da inizio anno è successo in 45 giorni quando il limite annuo consentito è 35 – seppure in un contesto di diminuzione del fenomeno che dal 2002 ha visto passare i giorni di sforamento dei limiti da 166 a 73 nel 2016.

Migliorare la qualità dell’aria quindi richiede interventi strutturali che tocchino sia il settore della mobilità sia quello del riscaldamento; infatti a Milano il 44% dell’inquinamento è prodotto dai veicoli ma il 24% è dovuto a sistemi di riscaldamento non efficienti.

Per questo cambiare le caldaie a gasolio e rendere efficiente il sistema di riscaldamento è un contributo utile alla qualità dell’aria di Milano, alla salute dei cittadini ma anche un notevole risparmio economico.

Condividi: