Home Eco Lifestyle GP EcoRun: portate la vostra classe a correre con noi

GP EcoRun: portate la vostra classe a correre con noi

città: Milano - pubblicato il: - ultima modifica: 11 Aprile 2017
gp ecorun studenti

gp ecorun studentiLettera aperta ai professori di scienze motorie: con la GP EcoRun La invitiamo a partecipare con la Sua classe a un evento a impatto zero che mette assieme un sano movimento e il rispetto per l’ambiente.

Carissimo Professore di scienze motorie, ha mai pensato che anche lei fa un gran bel lavoro in ottica green job? Le spieghiamo: partendo dal concetto che la mobilità sostenibile prevede molto più esercizio fisico (camminate, biciclettate, corse per prendere treni, mezzi pubblici in generale…) è buona cosa che anche i suoi studenti si preparino a una vita molto meno sedentaria e più dinamica.

Bike sharing, car sharing elettrico, ma anche car pooling e altre formule di mobilità sostenibile sono già una realtà e noi riteniamo che gli sportivi siano i primi a interessarsi a una diversa maniera di muoversi. Più efficiente e meno inquinante.

Per questo vorremmo darle una mano a diffondere queste buone pratiche e invitare le sue classi a partecipare sabato 6 maggio alla tappa milanese della GP EcoRun (marce non competitive da 6/10 km che organizziamo in ottica green) che vi darà modo di scoprire varie tematiche legate alla sostenibilità a cominciare dal nuovo Parco della Vettabbia dove sarà possibile allenarsi, passeggiare, andare in bici…

Il team scolastico più numeroso avrà anche un riconoscimento e la partecipazione le consentirà di avere un attestato di presenza.

Ma soprattutto sarà il modo per condividere una bella esperienza anche in ottica di team building con le sue classi.

Iscriva la sua classe a partecipare – in maniera del tutto gratuita – scrivendoci una email e segnalando i dati della classe con cui parteciperà all’indirizzo [email protected].

Questa iniziativa rientra nel progetto Green Jobs di Fondazione Cariplo e gode del patrocinio di Ministero dell’Ambiente, Enea e Patto dei Sindaci e la collaborazione del Parlamento Europeo.

Condividi: