Home Eco Lifestyle Turismo sostenibile: italiani attenti all’impatto ambientale anche in vacanza

Turismo sostenibile: italiani attenti all’impatto ambientale anche in vacanza

città: Milano - pubblicato il:
turismo sostenibile

turismo sostenibileGli italiani prediligono un turismo sostenibile e attento all’ambiente e lo fanno scegliendo quelle strutture – ma anche adottando atteggiamenti green – che sono vicini a questi principi.

Lo dimostra un’indagine su turismo sostenibile ed eco-sostenibilità condotta tra il 27 marzo e il 4 aprile di quest’anno su un campione di 1.809 utenti italiani di TripAdvisor.

Quasi 2 italiani su 5 – il 38% del campione intervistato – infatti sono propensi a fare scelte turistiche attente all’ambiente nel 2017 e il 15% di loro ha dichiarato di aver scelto uno specifico hotel proprio sulla base delle sue attenzioni verso l’impatto ambientale.

L’attenzione verso un turismo sostenibile e green però non si limita alla scelta dell’hotel ma si estende anche alle scelte gastronomiche e alle pratiche che contribuiscono al risparmio ecologico – come per esempio l’uso di biglietti paperless: l’88% degli intervistati ha infatti dichiarato di cercare di consumare prodotti locali e biologici durante i viaggi mentre quasi un terzo (31%) fa uso di carte d’imbarco paperless.

Anche negli spostamenti durante le vacanze si nota l’attenzione all’ambiente dei nostri connazionali: il 28% del campione dichiara di cercare opzioni di mobilità sostenibile, come tour con veicoli ibridi, noleggio di biciclette o tour a piedi.

Nell’anno internazionale del turismo sostenibile iniziative come il programma EcoLeader di TripAdvisor – sviluppato in partnership con Legambiente Turismo, Habitech, United Nations Environment Programme e International Tourism Partnership e lanciato nel 2013 per aiutare i viaggiatori a pianificare viaggi più green – consentono ai cittadini di dare seguito alle buone pratiche sostenibili, anche in vacanza e “non solo nella scelta dell’alloggio” come ci spiega Valentina Quattro, portavoce della società per l’Italia.

Condividi: