Home Smart City Parma Progetto Energia, approvate le prime richieste

Parma Progetto Energia, approvate le prime richieste

città: Parma - pubblicato il:
progetto parma energia efficienza energetica residenziale

parma progetto energia efficienza energetica residenzialeSono state approvate nei giorni scorsi le prime due richieste di adesione a Parma Progetto Energia, l’iniziativa del Comune di Parma per promuovere l’efficienza energetica negli edifici attraverso la concessione di finanziamenti a tasso agevolato.

Gli interventi finanziati da Parma Progetto Energia, attraverso Energicamente Gran Prestito di Crédit Agricole Cariparma, sono quelli che consentono di migliorare l’isolamento termico degli edifici, di rendere più efficienti gli impianti per il riscaldamento e il raffrescamento anche attraverso la loro sostituzione, di installare impianti fotovoltaici per produrre energia elettrica e sistemi per la produzione di acqua calda attraverso fonti rinnovabili.

Le richieste di adesione all’iniziativa giunte finora al partner tecnico del progetto, ATES Parma – Agenzia Territoriale per l’Energia e la Sostenibilità – sono quattro ma, per il Comune, considerate le numerose richieste di informazioni ricevute in questi mesi, il numero è destinato ad aumentare.

Per richiedere Energicamente Gran Prestito è necessario contattare un tecnico professionista per pianificare la soluzione di efficientamento energetico più adatta alle proprie esigenze abitative, rivolgersi ad ATES Parma per verificare la congruità tecnica ed economica dell’intervento, quindi compilare e consegnare la documentazione richiesta per ultimare l’iter di validazione.

Infine ci si dovrà recare in una delle agenzie di Crédit Agricole Cariparma per richiedere il prestito a tasso agevolato; l’istituto di credito ha già concesso prestiti per oltre 11.500 euro per interventi che vanno a finanziare la sostituzione dei vecchi infissi con serramenti di ultima generazione, provvisti di efficienti vetri basso-emissivi e di moderni telai dalle ottime proprietà termoisolanti che consentono una minore dispersione di calore e, di conseguenza, una diminuzione dei consumi.

Altre 2 richieste, che prevedono investimenti più significativi, circa 100.000-120.000 euro, sono in fase di validazione da parte di ATES Parma.

Condividi: