Home Imprese Sostenibili Impatto caldaie sul clima: ecco perché intervenire

Impatto caldaie sul clima: ecco perché intervenire

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
caldaie vaillant - gherardo magri

caldaie vaillant - gherardo magri“In Italia, delle oltre 19 milioni di caldaie operanti, il 70% – ovvero circa 14 milioni – sono di tipo tradizionale, a bassa efficienza, mentre addirittura 7 milioni sono ormai obsolete, quindi a bassissima efficienza e con emissioni significative di CO2“.

È Gherardo Magri, amministratore delegato di Vaillant Italia a snocciolare i numeri di un mercato che da una parte è potenzialità di business, ma dall’altra pesa direttamente sullo stato di inquinamento del nostro Paese: dove quasi il 18% della CO2 è prodotto dal settore residenziale (fonte Ispra).

“Grazie alla sostituzione di queste caldaie con modelli a condensazione” continua Magri “si potrebbero ridurre del 16% le emissioni di gas serra del settore residenziale. Ci tengo a dare un termine di paragone: sostituire una vecchia caldaia con una moderna a condensazione equivale a ridurre le emissioni di una quota pari a quella prodotta da un’auto di media cilindrata in cinque mesi”.

E in più c’è l’aspetto economico e incentivante: “ogni famiglia potrebbe godere di un risparmio medio in bolletta di oltre 300 euro all’anno”.

A ciò si aggiunge la campagna di rottamazione delle caldaie vecchie. In questo senso Vaillant fino al 31 luglio 2017 offre a chi sostituisci la vecchia caldaia 7 anni di garanzia in omaggio (previo contratto di manutenzione annuale).

“È la dimostrazione che le nostre caldaie sono indistruttibili” commenta ancora l’ad “e rispondono al principio di una nuova economia che ha a che fare con l’utilizzo di materiali eco, riciclati e riciclabili“.

Nel frattempo anche l’azienda, soprattutto la sede italiana, si sta dando dei target green pregnanti: “ci stiamo impegnando a raggiungere il minor impatto ambientale nel più breve tempo possibile” racconta Magri “e per questo a breve installeremo pannelli fotovoltaici sulla sede milanese”.

Nella roadmap che hanno chiamato The Green Evolution, Vaillant prevede anche il rinnovamento della flotta aziendale con veicoli a basso impatto sia ibridi sia elettrici. Con installazione di colonnine elettriche per la loro ricarica.

Condividi: