Home Smart City Ibm Watson Summit Italia 2017, imparare a sfruttare appieno i big data

Ibm Watson Summit Italia 2017, imparare a sfruttare appieno i big data

città: Milano - pubblicato il:
Ibm Watson Summit Italia 2017

Ibm Watson Summit Italia 2017Milano, dal 16 al 23 maggio, presso il Casello del Dazio all’Arco della Pace, diventa capitale dei big data grazie all’Ibm Watson Summit Italia 2017, evento che vuole insegnare alle aziende a sfruttare la nuova intelligenza artificiale nel loro modo di lavorare.

Dopo una prima comparsa al Fuorisalone, nella settimana del design, l’Ibm Watson Summit Italia 2017 si prende un’intera settimana – con tanti eventi diversi che puntano a illustrare tutte le possibilità del cognitive business.

Limitarsi infatti a parlare di big data senza pensare a come adattare il proprio modo di lavorare alla nuova realtà ha poco senso; serve molto di più capire come estrarre dettagli importanti dalle informazioni che già si hanno a disposizione in azienda, migliorando competenze e anticipando il mercato.

Sarà interessante scoprire come la nuova lavagna cognitiva di Ricoh, tra le soluzioni presenti nello showcase dell’Ibm Watson Summit Italia 2017, può facilitare l’interazione e la collaborazione di un team che potrà sfruttare strumenti analitici per guidare la riunione.

La lavagna infatti utilizza la potenza di calcolo di Ibm Watson rispondendo a comandi vocali, prendendo appunti, annotando le attività e traducendo i contenuti della riunione in diverse lingue.

Questo e altri scenari simili saranno discussi e affrontati all’Ibm Watson Summit 2017; basti pensare che nell’attuale società lavorativa i dati generati quotidianamente sono letteralmente esplosi e si prevede che entro il 2020 ogni giorno ne verranno generati 44mila miliardi di gigabyte.

Per analizzare dati che per l’80% sono di tipo non strutturato – immagini, suoni, ma anche gli stati emozionali delle persone – serve un sistema cognitivo in grado di comunicare in linguaggio naturale, ragionare su argomentazioni, ipotesi, opzioni e che non smetta mai di imparare.

Condividi: