Home Imprese Sostenibili Musei sostenibili, tra efficienza energetica e vincoli architettonici

Musei sostenibili, tra efficienza energetica e vincoli architettonici

musei sostenibili

musei sostenibiliIl progetto Galleria Sostenibile si propone di definire un modello da applicare per la creazione della prima filiera di musei sostenibili secondo principi ambientali, economici e sociali e con indicatori e certificazioni riconosciuti a livello internazionale.

Anche i musei devono vivere e dimostrare la propria sostenibilità. Ma come? Per prima cosa applicando il giusto peso di efficienza energetica nel pieno rispetto dei vincoli architettonici.

È quanto emerge dalle linee guida tracciate da Federturismo Confindustria. A guidare il progetto è Ada Rosa Balzan, qui in veste di responsabile nazionale dei progetti di sostenibilità della Federazione.

Partendo da Museimpresa (già esposto agli Stati Generali del turismo sostenibile di Pietrarsa), la Balzan ha potuto lavorare sulla Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma che diventa così la prima grande realtà che aderisce al progetto musei sostenibili.

Si tratta di un progetto pilota in itinere – spiega l’esperta – iniziato nel 2016 con la valutazione di efficientamento energetico della struttura per ottenere la riduzione dei suoi consumi ed emissioni di CO2 attraverso le ultime tecnologie a disposizione e l’utilizzo di fonti alternative.

Il passo successivo è stato il percorso di sostenibilità sociale dove la Galleria ha già iniziato a promuovere la diffusione della cultura della sostenibilità coinvolgendo nello sviluppo del progetto due classi di master della Business School del Sole 24 ore in management della cultura e dell’energia.

La Galleria Nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma ha avviato anche il percorso per ottenere la certificazione Iso 20121 per gli eventi sostenibili.

La Galleria Nazionale, tramite questa certificazione, intende dotarsi di un sistema di gestione sostenibile oggettivo, riconosciuto e verificabile da un ente terzo.

La Iso 20121 – conclude Ada Rosa Balzan – certificherà dunque le nuove modalità con le quali vengono organizzati e ospitati eventi, dal codice etico e di comportamento sostenibile per gli addetti interni ai parametri di sostenibilità per i fornitori di servizi durante gli eventi.

Condividi: