Home Imprese Sostenibili Internet of Things: la proposta Hoval per la digitalizzazione del calore

Internet of Things: la proposta Hoval per la digitalizzazione del calore

città: Bergamo - pubblicato il: - ultima modifica: 5 Febbraio 2019
hoval internet of things

Chi l’avrebbe mai detto che le stesse previsioni del tempo sarebbero diventate uno strumento di efficienza energetica? In realtà è il bello dell’Internet of things.

In pratica uno strumento collegato via App o via portale web dà la possibilità, con una previsione di tre ore in tre ore, di adattare la temperatura del proprio ambiente alzando o abbassando la caldaia, il calore dell’acqua e anche il condizionamento.

A idearlo è stata Hoval che propone un dispositivo di regolazione chiamato TopTronic che all’utente finale serve per regolare le proprie necessità energetiche e al rivenditore di arrivare a fare manutenzione da remoto all’impianto.

Così si evitano spostamenti inutili che, in termini pratici, significano Co2 risparmiata.

Ma non solo, Hoval ammicca talmente tanto al mondo virtuale che è pronta a lanciare il social per i condomini. A parlarcene è David Herzog, amministratore delegato di Hoval Italia che nel video seguente spiega la sua idea.

L’Internet of Things applicata al risparmio energetico della propria casa o azienda.

Condividi: