Home Imprese Sostenibili Industria 4.0, una tendenza che vale 1,7 miliardi di euro

Industria 4.0, una tendenza che vale 1,7 miliardi di euro

città: Milano - pubblicato il:
industria 4.0

industria 4.0In Italia il mercato dell’Industria 4.0 continua a crescere: lo scorso anno ha superato quota 1,7 miliardi di euro (valore dato per per l’84% da imprese italiane e per il 16% dall’export) incrementando il suo giro d’affari, rispetto all’anno precedente, del 25%.

Inoltre le previsioni per il 2017 indicano che questo settore dovrebbe aumentare ancora e avvicinare i 2 miliardi di euro: sono numeri importanti che sottolineano l’interesse che le imprese italiane e le startup stanno avendo verso la quarta rivoluzione industriale.

L’Industria 4.0 è la tendenza dell’automazione industriale che integra nuove tecnologie produttive per migliorare le condizioni di lavoro e aumentare la produttività degli impianti.

Visto il crescente sviluppo in Italia di questo nuovo concetto industriale, la Facoltà di Ingegneria dell’Università Niccolò Cusano ha realizzato l’infografica Industry 4.0 e Smart Factory: Tutti i trend in Italia e in Europa per scoprire meglio di cosa si tratta.

Anche in Europa sembrano essere diversi in Paesi che si stanno muovendo in questo senso. Tra gli altri, la Gran Bretagna, grazie al piano Catapult – High Value Manufacturing, la Germania, con il piano The Plattform Industrie 4.0, l’Olanda, con l’approccio Smart Industry, e la Francia, con Alliance Industrie du Futur.

Il piano Industria 4.0 italiano – sviluppato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero dell’Economia, il Ministero dell’Istruzione, il Ministero del Lavoro e il Ministero delle Politiche Agricole e dell’Ambiente – prevede un notevole impegno economico sia per lo Stato (per circa 13 miliardi di euro) sia per i privati (per circa 24 miliardi).

Lo Stato supporta gli investimenti e cerca di operare promuovendo un matching tra startup, Pmi innovative, mercato e investitori. Gli obiettivi formativi del piano Industria 4.0 sono quelli di raddoppiare gli iscritti agli istituti tecnici superiori, erogare competenze 4.0 a 200.000 universitari, formare 3.000 manager e istituire 1.900 dottorati di ricerca.

Ma quali sono gli effetti del piano sul mercato dei progetti italiani? Il 63% (1 miliardo) è composto da progetti di connettività e acquisizione dell’Internet Of Things (28% in più rispetto al 2015), il 20% (330 milioni) dall’Industrial Analytics (23% in più rispetto al 2015), il 9% (150 milioni) dalla Cloud Manufacturing (25% in più rispetto al 2015), l’8% (120 milioni) dagli investimenti in Advanced Automation (non esisteva nel 2015) e l’1% (20 milioni) dall’Advanced Human Machine Interface (non esisteva nel 2015).

industria 4.0

Condividi: