Home Imprese Sostenibili Stop alle zanzare, un progetto hi-tech premiato al Climate Launchpad

Stop alle zanzare, un progetto hi-tech premiato al Climate Launchpad

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
stop alle zanzare

stop alle zanzarePur se l’estate è terminata il problema zanzare – con l’inevitabile scia di polemiche e, quest’anno, anche con ripercussioni sanitarie gravi – è di attualità: ma dire stop alle zanzare potrebbe essere più facile, grazie al progetto Moskyp che ha vinto il primo premio al Climate Launchpad, competizione internazionale per progetti d’impresa in tecnologie sostenibili.

L’innovativa soluzione tecnologica Moskyp, elaborato dal riminese Andrea Bisaccioni, per dare lo stop alle zanzare utilizza un trattamento larvicida a base di rame, rispettando l’ambiente e a costi contenuti.

Il progetto è stato finalista anche della competizione StarCup Emilia Romagna.

Al secondo posto della Climate Launchpad, promossa in Italia da Aster, società della Regione Emilia Romagna per l’innovazione e la ricerca industriale, si è classificato il modenese Mattia Pantoni, con il progetto Wasteclass, che consiste in un’applicazione web in grado di realizzare accurate valutazioni sugli scarti industriali, evitando analisi chimiche.

Terza la trevigiana Sara Sbroggiò, che ha sviluppato HBI, un prodotto innovativo fatto con scarti organici, che può essere usato in agricoltura per migliorare la produttività del suolo, riducendo l’uso di acqua e sostanze chimiche.

I vincitori del Climate Launchpad hanno ricevuto un premio in denaro: 1.000 euro il primo, 600 il secondo e 400 euro terzo.

Un riconoscimento di eguale valore è stato offerto dal Consorzio Proambiente nell’ambito del premio speciale Gianni Fondriest, dedicato alla memoria dell’imprenditore di Deltatech (FC), impresa hi-tech fondata nel 1990, detentrice di moltissimi brevetti.

I vincitori italiani di Climate Launchpad parteciperanno alle finali mondiali, che si terranno il 17 e 18 ottobre a Limassol (Cipro). Al vincitore saranno assegnati 10.000 euro, al secondo classificato 5.000 euro e al terzo 2.500 euro.

Condividi: