Home Agricoltura e Bio Biodiversità del suolo, conoscerla per arrivare alla sostenibilità

Biodiversità del suolo, conoscerla per arrivare alla sostenibilità

città: Trento - pubblicato il: - ultima modifica: 6 ottobre 2017
biodiversità del suolo

biodiversità del suoloPer arrivare alla sostenibilità una tappa obbligata è conoscere la biodiversità del suolo: da queste premesse nasce una nuova iniziativa di Apot per comprendere lo stato di salute del terreno produttivo del Trentino.

Per questo motivo, all’inizio del mese, è partito il piano di analisi e di valutazione della biodiversità del suolo del settore frutticolo trentino, ideato da Apot all’interno del Frutteto pedonabile sostenibile, una delle sue tante iniziative per la sostenibilità.

Il progetto, presentato da Apot, Fondazione Mach e Consorzio Innovazione Frutta, ha come obiettivo principale la comprensione dello stato di salute del terreno, che potrà essere espresso attraverso l’analisi e la quantificazione della biodiversità del suolo, ovvero degli organismi viventi tipici del sottosuolo.

L’idea di migliorare la biodiversità del suolo si inserisce nel progetto Sostenibilità, lanciato da Apot nel 2016 per comunicare e informare i cittadini del Trentino circa i progetti realizzati, quelli in corso e gli orientamenti futuri dei frutticoltori che possano migliorare con progressione e costanza la sicurezza della frutta e delle tecniche di produzione.

Il piano biodiversità del suolo è partito a inizio settembre e viene sviluppato da Apot in collaborazione con il Consorzio CCPB, uno degli organismi di certificazione dei prodotti biologici più attivi e qualificati in Italia.

Il progetto prevede il prelevamento di 80 campioni di terreno, rappresentativi degli 8.961 ettari del territorio frutticolo del trentino; i risultati dell’analisi del terreno, con le relative considerazioni, saranno presentati a inizio 2018 ed entreranno nella nuova edizione del Bilancio di Sostenibilità curata da Apot.