Home Eco Lifestyle Ostelli per i giovani, attrattiva per i turisti eco-sostenibili

Ostelli per i giovani, attrattiva per i turisti eco-sostenibili

città: Milano - pubblicato il: - ultima modifica: 17 novembre 2017
ostelli per i giovani

Per attrarre i fan di un turismo eco-sostenibile servono più ostelli per i giovani, soluzioni ricettive, ma non solo, che sappiano offrire sensazioni esperienziali oltre all’alloggio.

Un tema che viene affrontato a Milano, città metropolitana che per quattro giorni diventa capitale degli ostelli per i giovani ospitando l’Annual General Meeting di Europe’s Famous Hostels, associazione che raccoglie circa cinquanta ostelli tra i migliori d’Europa.

In occasione dei lavori dell’associazione, che si svolgono all’Ostello Bello, struttura premiata con l’Ambrogino d’oro, il Comune di Milano ha ospitato un incontro in cui gli operatori del settore si sono confrontati sull’impatto culturale ed economico che il mercato degli ostelli per i giovani sta avendo sul turismo internazionale.

Come cambia il mondo degli ostelli per i giovani

Negli ultimi tre anni il mercato degli ostelli per i giovani ha visto cambiare non soltanto la tipologia dei propri ospiti ma anche il proprio ruolo: queste strutture di accoglienza sono passati da semplici punti di appoggio a basso costo per i giovani viaggiatori a strutture di aggregazione sociale e creativa all’avanguardia.

Secondo una rilevazione dell’Osservatorio mensile Confturismo-Istituto Piepoli, infatti, ci sono due tipologie di viaggiatore giovane: chi cerca divertimento, amicizie e avventura e chi, invece, organizza la vacanza nel minimo dettaglio, visitando siti culturali senza rinunciare al divertimento.

Negli ultimi cinque anni (dati del settore Turismo di Palazzo Marino) il numero degli ostelli per i giovani a Milano è passato da 8 a 25, così come il numero di letti che è cresciuto di oltre il 140%. Gli arrivi negli ostelli rappresentano circa il 24% del totale degli arrivi nelle strutture extra-alberghiere e il 10% di tutti i pernottamenti nelle strutture extra-alberghiere.

Dal 2012 al 2016, gli arrivi negli ostelli per i giovani sono risultati composti per il 79% da turisti stranieri e dal 21% da turisti italiani; gli arrivi sono cresciuti del 42,5% (+25,9% italiani; +45,8% stranieri).

Nel primo semestre del 2017 si stima un aumento del 20% rispetto al primo semestre 2016, con oltre 10mila arrivi di turisti italiani e 53mila arrivi di turisti stranieri.