Home Eco Lifestyle Consigli pratici per ridurre i consumi della propria auto

Consigli pratici per ridurre i consumi della propria auto

città: Milano - pubblicato il:
ridurre i consumi della propria auto

L’ecologia sta diventando un aspetto sempre più importante: non che prima non lo fosse, ma ultimamente gli italiani si stanno accorgendo di quanto conti essere rispettosi con la natura.

Poi, la questione diventa anche un fatto di portafoglio: riducendo i consumi, naturalmente, si riducono anche le spese da affrontare. In tal senso l’automobile rappresenta uno degli aspetti sui quali intervenire può rivelarsi decisamente fruttuoso: risparmiando sul consumo del carburante, è possibile diminuire i costi della vettura e allo stesso tempo ridurre le emissioni inquinanti nell’aria.

Quali sono, dunque, i consigli pratici per ridurre i consumi della propria auto?

Cambiare il vecchio modello di automobile

È innanzitutto necessario comprendere che un modello vecchio di auto consumerà sempre molto e inquinerà sempre. Certo, è possibile diminuire entrambe le voci, ma non tantissimo perché la questione dipende dal motore.

Come fare? Il consiglio è di comprare una vettura moderna: portali come automobile.it, per fare un esempio, presentano diverse offerte di auto nuove che costano veramente poco.

Questa strategia, sul lungo periodo, vi farà risparmiare e porterà dei vantaggi anche all’ambiente che vi circonda. Una volta che avrete acquistato una nuova auto, approcciare gli altri consigli sarà più semplice e proficuo.

Ridurre i consumi della propria auto cambiando stile di guida

Lo stile di guida è un indicatore di quanto consuma la vostra auto: o meglio, di quanto la portate voi a consumare. Una guida sportiva, infatti, può risultare piacevole e adrenalinica, ma non per l’ambiente e per il vostro portafogli: lo stop & go eccessivamente forzato, fatto di accelerazioni e di frenate improvvise, porta il motore a consumare più carburante.

È sempre meglio approcciare il volante e la strada con uno stile di guida moderato: secondo le rilevazioni statistiche, così facendo è possibile risparmiare fino al 35% dei consumi di benzina su base annua. Inoltre, si risparmiano anche le pastiglie.

Assicurarsi della corretta pressione degli pneumatici

Anche gli pneumatici incidono notevolmente sul consumo di carburante: spesso, poi, rappresentano un fattore che l’automobilista medio tende a sottostimare. Questo discorso vale in particolar modo durante la stagione invernale: il calo delle temperature, infatti, causa anche una contrazione dell’aria all’interno delle gomme.

Questo causa un calo netto della pressione dello pneumatico. Intervenendo sugli pneumatici, è possibile aggiungere un ulteriore 3% in quanto a risparmio dei consumi. Per quale motivo le gomme sgonfie incidono sui suddetti? Per via dell’asimmetria su strada, che costringe il motore a uno sforzo non previsto.

Risparmiare sui consumi: il climatizzatore

L’ultimo elemento che analizzeremo oggi è il climatizzatore: tutti noi amiamo utilizzarlo in auto, sia d’estate che d’inverno. D’altronde, a chi non piace mettersi al volante al calduccio o al fresco? Purtroppo, questo piacere ha un suo prezzo: il climatizzatore, infatti, impatta sui consumi di carburante nella misura del 25%.

Questo non significa che non può essere utilizzato, ma che questa operazione deve essere fatta con intelligenza: il che vuol dire imparare a gestire quando e come lo usate. Il consiglio? Accenderlo all’inizio e poi spegnerlo durante il viaggio, quando viene raggiunta nell’abitacolo una temperatura gradevole.

Condividi: