Home Imprese Sostenibili Le B Corp raddoppiano e a Milano celebrano le Best for Italy...

Le B Corp raddoppiano e a Milano celebrano le Best for Italy 2017

città: Milano - pubblicato il: - ultima modifica: 9 dicembre 2017
b corp best for italy 2017

L’Italia delle B Corp batte l’Olanda (che certo si è portata a casa Ema, vuoi mettere?) 77 a 55. Significa che mese su mese le imprese italiane si stanno certificando come benefit corporation credendo che il loro mestiere non sia solo legato al profitto, ma anche al bene sociale e ambientale.

E lo dimostrano non solo a parole, ma anche con i fatti.

Le ricadute benefiche si possono valutare sui dipendenti, sulla comunità limitrofa all’azienda, sui territori culturali e ambientali dentro e fuori i perimetri aziendali.

Sono qui che troviamo le buone pratiche delle aziende che lo scorso 23 novembre – durante l’evento annuale B Corp Italia organizzato da Nativa, una delle aziende fondatrici del movimento B Corp in Europa – hanno ricevuto un premio alle loro azioni.

Ognuna di loro ha una case study che sempre più studenti dell’Università Cattolica di Milano e dell’Università Bocconi si apprestano ad approfondire per rilanciarla nei loro corsi di studi.

Segno che le B Corp stanno facendo scuola: “le 2.300 B Corp di 60 paesi, dimostrano che un nuovo modo di fare impresa a beneficio delle persone e del pianeta è assolutamente possibile” spiega Marcello Palazzi, Global Ambassador delle B Corp che Green Planner – unica testata giornalistica nazionale ad avere la certificazione BCorp – ha intervistato per capire meglio passato, presente futuro di questo movimento.

I premiati di quest’anno sono stati: Little Genius International SB, InVento Innovation Lab, WAMI SB, DLM Partners, Salcheto, Damiano SB, PerMicro, Goodpoint, Fratelli Carli, Pasticceria Filippi SB, Antica Erboristeria SB, Mondora SB, Goldmann & Partners e Davines.