Home Imprese Sostenibili Energia pulita dalla trigenerazione: accordo tra Gruppo Hera e Bio-on

Energia pulita dalla trigenerazione: accordo tra Gruppo Hera e Bio-on

città: Bologna - pubblicato il:
energia pulita - gruppo hera bio-on

Accordo raggiunto tra Bio-on e Gruppo Hera per la realizzazione e la gestione di un impianto di trigenerazione che fornirà energia pulita.

Lo stabilimento, che verrà inaugurato entro metà 2018 e inizierà la produzione di bioplastiche PHAs dando lavoro a regime a circa 40 persone, sorgerà su un’area di 30.000 mq, di cui 3.700 coperti e 6.000 edificabili, e avrà una capacità produttiva di 1.000 tonnellate all’anno espandibile rapidamente a 2.000.

Dotato delle più moderne tecnologie e dei più avanzati laboratori di ricerca lo stabilimento servirà a Bio-on per sperimentare e sviluppare nuovi tipi di bioplastica PHAs utilizzando come materia prima scarti agricoli e agroindustriali.

La società ha dimostrato una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale anche nella scelta del sito produttivo decidendo di riconvertire una ex fabbrica senza sprecare nuova terra. Il nuovo polo tecnologico-energetico conterrà un impianto di trigenerazione di nuova concezione che sarà realizzato e gestito grazie al Gruppo Hera.

Grazie all’accordo raggiunto il Gruppo Hera metterà a disposizione del nuovo stabilimento di Bio-on energia elettrica prodotta e autoconsumata, energia termica sotto forma di vapore ed energia frigorifera. L’intesa pluriennale comprende la realizzazione e la manutenzione di tutto il polo tecnologico-energetico associato alla fornitura di energia pulita, per un investimento complessivo da parte di Hera Servizi Energia pari a 2,4 milioni di euro.

Il progetto prevede la realizzazione di un impianto di trigenerazione di potenza pari a 1MW elettrico, due caldaie a vapore, due gruppo frigo industriali ad alta efficienza e un moderno impianto di trattamento dell’acqua. Il risparmio energetico generato sarà di oltre 800 TEP all’anno, equivalente a una riduzione di CO2 pari all’assorbimento annuale di un bosco di 320 ettari oppure pari all’eliminazione di 810 auto a gasolio dalle strade delle nostre città.

Tutte le bioplastiche PHAs (poli-idrossi-alcanoati) sviluppate da Bio-on, sono ottenute da fonti vegetali rinnovabili senza alcuna competizione con le filiere alimentari; possono sostituire numerosi polimeri tradizionali oggi ottenuti con processi petrolchimici utilizzando idrocarburi; garantiscono le medesime proprietà termo-meccaniche delle plastiche tradizionali con il vantaggio di essere completamente ecosostenibili e al 100% biodegradabili in modo naturale.

Condividi: