Home Green Jobs La buona scuola si fa sul campo e con buoni presupposti

La buona scuola si fa sul campo e con buoni presupposti

città: Milano - pubblicato il:
buona scuola

La buona scuola si fa sul campo. Con buoni presupposti che non sono neanche da inventare ma da riprendere seguendo le linee guida su cui il dibattito di Governi, società civile e organizzazioni ambientali stanno da anni lavorando. E ciò vale tanto più se si parla di sostenibilità.

È in questa scia che ha deciso di impostare il proprio piano formativo una storica scuola milanese: l’Istituto Tommaseo.

Il progetto di buona scuola, alla cui realizzazione sta lavorando un team di educatori da circa un anno, prende il nome di Grow the World e nasce dalla volontà di portare in maniera decisa i temi della sostenibilità e della responsabilità sociale in classe.

L’obiettivo del progetto è la realizzazione di un vero e proprio modello di Sustainable Development School. E per far questo la scuola fa ora parte della rete di scuole Unesco ed è membro associato dell’Asvis.

A partire dalle sollecitazioni dell’Enciclica Laudato sì di Papa Francesco e dell’Agenda 2030 ONU per lo sviluppo sostenibile” raccontano gli ideatori dell’inizia di buona scuola tra cui Caterina Micolanostiamo riprogettando la scuola in modo integrale secondo un approccio sostenibile. A livello gestionale, abbiamo allargato a docenti e collaboratori lo spazio di responsabilità e di partecipazione alle decisioni e abbiamo avviato un intenso dialogo con le università e le aziende per la creazione di partnership stabili“.

Saint-Gobain e Fondazione Sodalitas sono tra i primi partner del progetto.

Condividi: