Home Imprese Sostenibili Tassa di gestione dei rifiuti, più che di soggiorno per i turisti

Tassa di gestione dei rifiuti, più che di soggiorno per i turisti

gestione dei rifiuti

Altro che tassa di soggiorno dovremmo pagare: anche in vacanza produciamo rifiuti e a quanto pare l’impatto è forte; soprattutto sui costi della raccolta e della gestione dei rifiuti solidi urbani.

È questa la conclusione di uno studio condotto al dipartimento di Economia e Management dell’Università di Pisa. Giulio Greco, Velia Gabriella Cenciarelli e Marco Allegrini hanno analizzato i costi della raccolta di organico, carta, multi-materiale (plastica, metallo, vetro) e indifferenziata su un campione di 68 Comuni rappresentativo di tutto il territorio italiano.

Il turismo è infatti in grado di portare indubbi benefici economici” spiega il professore Giulio Greco dell’ateneo pisano “e tuttavia è importante stimare gli oneri che ne derivano, specialmente per quanto riguarda i rifiuti, in un’ottica complessiva di sostenibilità economica e ambientale“.

L’analisi dei ricercatori è partita da una misura analitica dei costi annui legati alla gestione dei rifiuti. Secondo le loro stime, per la raccolta dell’indifferenziato ogni cittadino spende in media 22,42 euro con punte che arrivano sino a 83,22 euro. Per la carta i costi sono invece più contenuti con una media di 8,91 euro per abitante, a fronte dei 13,55 euro per l’organico e dei 6,27 euro per il multi-materiale.

Sulla base di questi parametri, i tre studiosi di economia aziendale dell’ateneo pisano hanno quindi evidenziato come i flussi turistici, misurati come numero di turisti in visita, numero di pernottamenti e spesa media, influenzino in modo significativo i costi della raccolta e della gestione dei rifiuti.

Per esempio, un aumento dell’1% del numero di turisti incrementa il costo medio pro-capite della raccolta di multi-materiale dello 0,11%, aumento che nel caso della carta è dello 0,23% e nel caso dell’indifferenziata dello 0,07%, mentre non si registrano sostanziali differenze per quanto riguarda l’organico.

Condividi: