Home Imprese Sostenibili Torna a risplendere il solare in italia

Torna a risplendere il solare in italia

città: Milano - pubblicato il:
mercato solare fotovoltaico

La nuova Strategia energetica nazionale (Sen) e il Decreto Fer, anche se ancora in bozza, tornano a riattivare i business plan italiani delle aziende legate agli impianti fotovoltaici. Tanto che proprio il mercato solare italiano potrebbe avere un target di 40 GWp aggiuntivi necessari a compensare lo spegnimento progressivo delle centrali a carbone.

Anche per questo un investitore, Solar Ventures, che, benché italiano, aveva da qualche anno rivolto i propri sguardi finanziari all’estero, si è dichiarato pronto a un investimento complessivo di circa 800 milioni di euro tra equity e debito, suddivisi tra Italia e Spagna.

L’ottimismo di Michele Appendino, Ceo di Solar Ventures, è dovuto anche alla diminuzione del costo dei sistemi fotovoltaici: l’obiettivo è di sviluppare e costruire un portafoglio di 1 GWp di impianti solari.

Nel frattempo il mercato solare si fa più sicuro: con l’obiettivo di quantificare meglio i rischi tecnici e finanziari relativi ai più comuni segni di degrado che interessano i pannelli fotovoltaici installati, in particolare i guasti del backsheet, DuPont Photovoltaic e Moroni & Partners siglano un accordo di collaborazione.

L’obiettivo è quello di di perfezionare anche le strategie di mitigazione del rischio e le misure di prevenzione di asset fotovoltaici esistenti e di nuovi progetti in fase di sviluppo, comprese le raccomandazioni sulla distinta base per i pannelli solari in funzione del tipo di applicazione e delle condizioni climatiche.

DuPont fornirà invece le sue competenze nell’ambito delle scienze dei materiali per correlare determinati tipi di degrado con diversi materiali utilizzati dai produttori di pannelli fotovoltaici.

La nostra esperienza nell’individuare e risolvere i problemi degli impianti fotovoltaici attraverso verifiche tecnico/strumentali avanzate e il consolidato know-how di DuPont nella scienza dei materiali” spiega Mauro Moroni, amministratore delegato di Moroni & Partners “consentirà un’analisi approfondita dei rischi finanziari legati ai problemi a cui solitamente sono soggetti i moduli“.

L’azienda si propone anche di applicare i dati raccolti in settori quali il project financing, operazioni di fusioni e acquisizioni e distinte di base di nuovi impianti di produzione di energie rinnovabili solari.