Home Agricoltura e Bio Food for Good, progetto di recupero del cibo, diventa una best practice...

Food for Good, progetto di recupero del cibo, diventa una best practice europea

città: Roma - pubblicato il:
food for good

Il progetto italiano Food for Good è un’iniziativa di Federcongressi&eventi, Banco Alimentare ed Equoevento che recupera il cibo non consumato durante convention, meeting, congressi ed eventi per donarlo a enti caritatevoli.

L’iniziativa è stata ora inserita tra le best practice della piattaforma europea sul tema delle perdite e degli sprechi alimentari EU Platform on Food Losses and Food Waste.

La piattaforma europea è stata istituita 2 anni fa dalla Commissione europea come parte del piano d’azione per l’economia circolare per individuare, condividere e sviluppare tutte le soluzioni in grado di ridurre lo spreco nella filiera alimentare e raggiungere l’obiettivo di sviluppo sostenibile di dimezzare lo spreco alimentare entro il 2030 e diminuire le perdite di cibo lungo le catene di produzione e di approvvigionamento alimentare.

Food for Good, un ambito riconoscimento

Food for Good è stato inserito tra le buone pratiche da condividere a livello europeo su proposta di Banco Alimentare, Onlus che contribuisce ai lavori della piattaforma sul tema delle perdite e degli sprechi alimentari in virtù della delega ricevuta dal Tavolo per la lotta agli sprechi e per l’assistenza alimentare del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Essere diventato un modello operativo di dimensione europea è un risultato che gratifica l’impegno degli attori che hanno fatto nascere e continuano a sostenere Food for Good, progetto che permette il recupero del cibo non consumato durante congressi, convention, meeting ed eventi per donarlo a enti caritatevoli quali case famiglia, mense per i poveri e centri per i rifugiati.

Combattere lo spreco alimentare con Food for Good è semplice ed efficace: attraverso i volontari di Banco Alimentare ed Equoevento, Federcongressi&eventi mette in contatto i responsabili delle società di catering con la Onlus più vicina al luogo dell’evento affinché questa provveda al recupero delle eccedenze alimentari in tempi rapidi e in completa sicurezza in linea con le normative vigenti in materia.

Food for Good è in continua espansione e crescita: per esempio, è in fase di conclusione la ricerca sui criteri di conservazione degli alimenti e in corso lo studio da parte di chef di menu per eventi doppiamente buoni.

Va in questa direzione il second life menu, il menu creato dall’executive chef del catering riminese Summertrade Cristian Pratelli che è buono sia perché gustoso sia perché privilegia gli alimenti e i cibi più indicati per rimanere edibili in completa sicurezza anche dopo il tempo necessario al recupero e alla donazione.

Le modalità per aderire a Food for Good, le linee guida per il recupero di alimenti da catering e le procedure operative per gli organizzatori di eventi sono disponibili online.

Condividi: