Home Imprese Sostenibili Cresce il mercato delle e-bike, presto una bici su due sarà elettrica

Cresce il mercato delle e-bike, presto una bici su due sarà elettrica

pubblicato il:
mercato e-bike

Sempre più attenzione verso una mobilità urbana sostenibile: lo rileva Avvenia confermando la crescita del mercato e-bike e la previsione che vedrà una bicicletta su due, in futuro, essere spinta dall’elettricità.

Anche il pubblico sportivo si sta accorgendo del fenomeno della mobilità elettrica – a Roma si sono da poco spenti gli echi del Gran premio elettrico svoltosi nel quartiere Eur – mentre a maggio il Giro d’Italia porta alla’attenzione di grandi e piccoli la bicicletta dando una spinta anche al mercato e-bike, sempre più apprezzato.

Al Giro infatti ci saranno 18 le tappe, oltre 3mila chilometri, da percorrere su biciclette elettriche da 9 chili più altri 4 di batteria; un test formidabile per una pedalata assistita che non cancella lo spirito del Giro, ma lo esalta grazie ai bolidi silenziosi progettati da Pinarello, stesso mezzo con identiche caratteristiche per tutti gli atleti, proprio come accade nella Formula E.

Un ulteriore segnale della crescita del segmento commerciale; il mercato e-bike, infatti, si prevede florido: secondo gli ultimi dati di vendita disponibili, il 2016 ha visto una contrazione del mercato tradizionale a favore della bici elettrica (+120% i pezzi venduti) e con un incremento di produzione pari al 40%.

Le biciclette elettriche saranno lo snodo tra share e gig economy: non si spiega altrimenti l’acquisto della startup americana Jump Bike da parte di Uber, operazione ultimata ad aprile 2018.

Da non trascurare, nel campo della mobilità elettrica, il ruolo della ricerca. Per questo sono importanti le parole di Fabio Massimo Frattale Mascioli, che coordina un gruppo di ricerca presso il Polo della mobilità sostenibile dell’Università la Sapienza di Roma (Pomos), per capire quali saranno le sfide all’orizzonte del mercato e-bike.

Partiamo da una premessa” commenta il fondatore del gruppo di ricerca del primo ateneo romano “ovvero come la mobilità elettrica non sia altro che un aspetto del sistema energetico complessivo, e che oggi la Ricerca, nel campo della bicicletta che è il mezzo di trasporto più noto e trasversale, è fondamentale e irrinunciabile.

Sul mercato sono approdati mezzi sempre più performanti e gradevoli, aspetti che ne stanno determinando il successo. Una delle frontiere della e-bike sarà l’implementazione della ricarica wireless, che ha ampiamente superato il test della biocompatibilità.

La ricarica wireless, però, pone quella particolare attenzione d’uso che un semplice utente del bike sharing rischia di non avere. In futuro il sistema wireless potrebbe trovare altre applicazioni come la ricarica in volo dei droni.

Il risultato di questi esperimenti ci ha comunque soddisfatto, al pari di quello portato avanti sull’Argentario in seno al progetto Life. Lì si prevede un prototipo di stazione di ricarica innovativa per le mountain bike nel contesto di un sistema di mobilità integrato che utilizza tutti i mezzi più comuni, come auto e scooter, e battelli da utilizzare come punti di ricarica per le bici stesse“.

Le ultime proiezioni del mercato e-bike relativamente al 2017 fanno pensare a un nuovo boom con un incremento del 25%, portando la vendita di bici a pedalata assistita a ben 155mila unità (elaborazione Bicitech).

Un fenomeno diffuso che va incontro alle esigenze di chiudere i centri storici ai mezzi inquinanti e alla necessità di migliorare le condizioni dell’aria.

Condividi: