Home Imprese Sostenibili Edilizia scolastica: a Milano e a Torino ci si comincia a muovere

Edilizia scolastica: a Milano e a Torino ci si comincia a muovere

edilizia scolastica milano

L’edilizia scolastica si muove a Milano e a Torino: nascono o sono in fase di riqualificazione nuove scuole concepite con criteri di efficienza energetica e sicurezza.

Seguiti dall’assessorato all’edilizia scolastica di Laura Galimberti a Milano, gli interventi spaziano dai lavori edili alla messa in sicurezza dei soffitti, dall’abbattimento delle barriere architettoniche agli interventi per la rimozione di amianto, fino alla prevenzione incendi.

Edilizia scolastica: gli interventi a Milano

41 i milioni di euro messi sul tavolo dei lavori, cui si aggiungeranno (tramite accordi quadro in gara, in fase di aggiudicazione o in progettazione) 36 milioni di euro con cui saranno realizzati gli interventi indicati dai Municipi come prioritari nelle annualità 2017 e 2018, altri 1,5 milioni di euro per lavori nei cortili delle scuole attraverso il bilancio partecipativo e ancora 16 milioni di euro per ulteriori interventi di prevenzione incendi.

Intanto, sempre nel capoluogo lombardo stanno nascendo nuove scuole come il Nido di City Life nel Municipio 8 e le secondarie di primo grado Hermada nel Municipio 9 ed ex Convitto Trotter nel Municipio 2 (ingresso dei ragazzi a settembre 2018), le primarie Puglie nel Municipio 4 e Pisa nel Municipio 6 e la secondaria di primo grado Merezzate nel Municipio 4 (cantieri di costruzione avviati, ingresso dei ragazzi a settembre 2019), le primarie Strozzi nel Municipio 6, Viscontini nel Municipio 8 (già demolite con bonifica in corso), Magreglio e Brocchi nel Municipio 8 (da demolire).

Edilizia scolastica: gli interventi a Torino

A Torino, o meglio a Bruino, la scuola primaria Marinella è stata, invece, certificata nZEB (nearly Zero Energy Building– edificio a energia quasi zero) fabbisogno energetico dell’immobile è divenuto quasi nullo e coperto in misura significativa da energia ottenuta da fonti rinnovabili, compresa l’energia da fonti rinnovabili prodotta in sito.

Si tratta di uno dei progetti facenti parte dell’accordo quadro siglato tra Bosch e la Città Metropolitana di Torino nel 2016, per la prima gara del progetto europeo 2020Together, Programma Energia Intelligente Europa, avente in oggetto la riqualificazione energetica di 18 edifici pubblici per conto dei Comuni di Bruino, None, Orbassano, Piossasco e Volvera.

Gli interventi per l’edilizia scolastica realizzati da Bosch sono stati la coibentazione della muratura esterna mediante un rivestimento a cappotto con pannelli di Eps, la coibentazione sottotetto con doppi pannelli di lana di vetro, l’installazione di serramenti in Pvc a taglio termico, dotati di vetri basso emissivi, la sostituzione di una caldaia a metano con una pompa di calore aria-acqua, l’installazione di valvole termostatiche programmabili, l’installazione di un sistema di telegestione e l’installazione di impianto fotovoltaico di tipo grid-connected.

Condividi: