Home Imprese Sostenibili Protezione civile e resilienza dei territori: la via collaborazione tra Hera e...

Protezione civile e resilienza dei territori: la via collaborazione tra Hera e Lepida

città: Bologna - pubblicato il:
protezione civile gruppo hera

Una collaborazione strategica per aumentare la resilienza del territorio regionale in materia di protezione civile: Hera si accorda con Lepida per l’uso della rete radiomobile ERretre a supporto dei propri servizi di emergenza.

In caso di emergenza, infatti, l’ultima cosa che serve è una logica emergenziale. Ecco perché il Gruppo Hera, Acantho – Digital Company del Gruppo, e Lepida hanno deciso di sottoscrivere un accordo in materia di protezione civile che contribuisce a migliorare la messa in sicurezza dei territori di riferimento.

Questo accordo riguarda il potenziamento della Rete Radiomobile Regionale (ERretre), la rete cellulare digitale basata sullo standard europeo TETRA che supporta tutti i servizi di emergenza, garantendo efficienza e sicurezza di comunicazioni dal cui esito dipende la salvaguardia del territorio e la sicurezza delle comunità locali.

Grazie all’accordo, Hera metterà a disposizione di Lepida inizialmente tre suoi siti, presso i quali saranno installati ulteriori apparati radio che possano accrescere la rete ERretre e migliorarne l’efficienza. In particolare, i siti individuati sono tre serbatoi piezometrici localizzati a San Lazzaro di Savena nel bolognese e ad Alfonsine e Cervia nel ravennate.

A sua volta, la multiutility potrà utilizzare la rete ERretre a supporto dei propri servizi di emergenza, migliorando il flusso delle comunicazioni verso la Protezione Civile e altri enti. Sarà così possibile aumentare il livello complessivo di integrazione funzionale fra tutti gli attori che sul territorio sono preposti, a vario titolo, a fronteggiare situazioni critiche.

Un ruolo chiave è stato giocato da Acantho che ha lavorato per porre le premesse alla firma dell’accordo e fornirà i terminali radio a standard TETRA necessari per usare la rete ERretre.

Condividi: