Home Imprese Sostenibili Qualità dell’acqua: ne parliamo con Culligan

Qualità dell’acqua: ne parliamo con Culligan

città: Milano - pubblicato il: - ultima modifica: 16 Luglio 2018
rubinetti - qualità dell'acqua

La qualità dell’acqua è uno dei temi al centro della direttiva UE del 1° febbraio 2018, da cui si deduce che il diritto di accedere a servizi essenziali di qualità, compresa l’acqua, è uno dei principi del pilastro europeo dei diritti sociali approvato all’unanimità dai capi di Stato o di governo al vertice di Göteborg.

La proposta legislativa odierna si propone di garantire il diritto alla qualità dell’acqua, fornendo così una risposta all’iniziativa Right2Water – la prima delle iniziative dei cittadini europei conclusasi con successo – che ha raccolto 1,6 milioni di firme a sostegno di un migliore accesso all’acqua potabile per tutti i cittadini europei.

Inoltre, per permettere ai consumatori di disporre di maggiori strumenti, la proposta assicura che i fornitori comunichino loro informazioni più chiare sul consumo idrico, sulla struttura dei costi e sul prezzo al litro per consentire un confronto con il prezzo dell’acqua in bottiglia.

In questo modo essa contribuisce sia all’obiettivo ambientale di ridurre l’uso superfluo della plastica e limitare l’impronta di carbonio dell’UE, sia a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Qualità dell’acqua, la campagna di Culligan

Su questa scia Culligan ha da qualche tempo lanciato una campagna di sensibilizzazione sull’argomento. Green Planner ha seguito un workshop dedicato al tema.

Marcello Miradoli, marketing director Emea di Culligan, ha sottolineato l’importanza dell’educazione riguardo al tema dell’acqua potabile: un breve rispolvero di chimica è necessario per introdurre la purificazione dell’H2O.

Infatti, a causa della sua particolare forma l’acqua tende ad attrarre quasi tutti gli elementi conosciuti e a trascinare qualsiasi sostanza con cui viene a contatto.

Per questo motivo è fondamentale” spiega il manager -“il primissimo processo di purificazione che avviene all’inizio degli acquedotti in cui si eliminano ben 37 elementi gestiti per legge“.

Secondo il manager “è fondamentale una continua revisione delle sostanze presenti nell’acqua perché è necessario sostituire le tubature di casa ciclicamente, spesso infatti l’acqua purificata giunge nelle tubature dei condomini dove le tubature vecchie in piombo fanno depositare il cloro che permette la proliferazione di ferrobatteri, pericolosi per la salute“.

Culligan si occupa sin dal 1936 di trattamenti dell’acqua potabile, offrendo quattro approcci per correggere la concentrazione di varie sostanze. È possibile acquistare le soluzioni Culligan sfruttando le agevolazioni dovute agli EcoBonus.

Condividi: