Home Eco Lifestyle Tappi di plastica: uno strumento digitale per districarsi nel loro riciclo

Tappi di plastica: uno strumento digitale per districarsi nel loro riciclo

città: Padova - pubblicato il:
raccolta tappi di plastica

Il progetto Amico dell’Ambiente ha da poco rilasciato una App che dà informazioni dettagliate per la raccolta dei tappi di plastica, indirizzando correttamente chi vuole conoscere il mondo del riciclo e della plastica, ricevere news e calcolare il guadagno ricavato dai tappi raccolti.

L’App, disponibile su App Store e Google, è stata sviluppata su un’idea dell’agenzia di comunicazione e marketing Gruppo Icat e guida gli utenti attraverso un percorso di navigazione rapido, semplice e intuitivo, dando loro tutte le informazioni su quali materiali raccogliere e quali no, visualizzando su una mappa le associazioni iscritte e fornendo le news del settore.

Grazie all’applicazione, inoltre, è possibile calcolare velocemente a quanti euro corrispondono i chilogrammi di tappi di plastica raccolti: un’idea intelligente per un guadagno facile e consapevole. Colori vivaci e vitaminici e icone di facile interpretazione invogliano infine l’utente a far uso di questo progetto digitale che, solo con un piccolo gesto, supporta il benessere dell’ambiente e della persona.

Amico dell’Ambiente è un progetto che prende forma nel 2007. Nato da un’idea di Claudio Capovilla, il progetto cresce e si sviluppa grazie anche alla collaborazione con l’imprenditore Giovanni Giantin. È un progetto che parla ai cittadini in modo semplice e chiaro: l’obiettivo non è solo quello di renderli più consapevoli sull’importanza di riciclare la plastica, ma di coinvolgerli attivamente anche nella raccolta dei tappi di plastica.

Scuola, associazioni, istituzioni pubbliche e aziende possono impegnarsi in una raccolta tappi di plastica che andrà poi consegnata a una lista di società presenti in tutta Italia. A queste ultime il compito poi di riciclare il materiale ricevuto e di pagare a peso i tappi raccolti.

Dal 2007, in dieci anni, oltre 400mila euro sono stati devoluti a coloro che hanno aderito all’iniziativa e si sono con questi impegnati a finanziare piccoli progetti in Italia e all’estero. Amico dell’Ambiente si siede inoltre tra i banchi di scuola: visite guidate e laboratori didattici fanno parte di un progetto educativo concepito per sensibilizzare gli studenti al ciclo di vita dei rifiuti.

Giovanni Giantin, impegnato da oltre 35 anni nel riciclo dei materiali plastici, sottolinea che “il progetto si è affermato nel tempo grazie al passaparola e alla testimonianza di chi ha contribuito attivamente negli anni. Oggi è fondamentale avere uno strumento digitale che si avvicini a quella community di persone unite dal desiderio di fare del bene all’ambiente. Da questo bisogno nasce un’App che si rivolge a tutti: dai cittadini di tutte le età alle singole realtà associative, a ciascuno è rivolto l’invito a contribuire in modo attivo e consapevole alla raccolta dei tappi di plastica“.