Home Agricoltura e Bio Bonus Verde: prendiamolo al volo

Bonus Verde: prendiamolo al volo

città: Milano - pubblicato il:
bonus verde

Il Bonus Verde è meglio prenderlo al volo. Finché c’è. Stiamo parlando della possibilità di detrarre, come privati o condomini, il 36% sull’acquisto – fino a un massimo di 5mila euro – di essenze perenni e permanenti (o anche rifacimenti di impianti di irrigazione o pozzi) per rinverdire balconi, terrazzi e giardini.

Prendiamolo al volo, perché proprio il bonus verde potrebbe non essere riconfermato nel 2019. Lo teme Ermete Realacci, presidente di Symbola, l’ambientalista cui si deve l’attuazione nella scorsa finanziaria. Lo teme perché dice “non ci sono a oggi segnali di volontà nel proseguire”.

Il che vuole dire, in primis, due cose. Una simbolica: ovvero perderemmo il primato di Nazione che veramente considera il verde un’ottima strategia climatica, di antinquinamento, di bellezza sociale e di paesaggio e lo dimostra incentivando l’acquisto del verde.

L’altra, molto pratica, che conviene affrettarsi e compiere le opere da detrarre entro la fine di quest’anno. Che poi questo sarebbe proprio il periodo migliore e come afferma Nada Forbici, presidente di Assofloro Lombardia, per mettere a dimora le piante.

Su come procedere per ottenere le detrazioni previste dal Bonus Verde abbiamo già scritto: ma intanto il Comune di Milano sta lanciando in occasione della Green Week di fine settembre una campagna informativa capillare. E anche un sito dedicato.

Perché come dice l’assessore al verde e all’agricoltura di palazzo Marino, Pierfrancesco Maranabbiamo bisogno della collaborazione dei cittadini per rendere più verde Milano“.

Il che vale in effetti anche per tutte le altre città. Ma Milano sta diventando un po’ la capitale del verde. E un concorso, sempre indetto per #Milanopiùverde, cui possono partecipare i cittadini mostrando le foto dei loro angoli di vegetazione creativa, lo dimostrerà.

Ai 20 nuovi parchi previsti nella Milano che sarà al 2030, si possono aggiungere tante piccole aree verdi su balconi, terrazzi giardini condominiali. “E questo” traduce Ettore Prandini, presidente di Coldiretti Lombardia “significa creare barriere antismog“. Gli fa eco Realacci sottolineando “che ogni albero produce anche un indotto economico di 18 euro“.

L’aspetto economico del verde sta a cuore, ovviamente, ad Assofloro. La presidente della sezione lombarda lo sottolinea: “malgrado sia ancora presto per trarre bilanci sul bonus verde, abbiamo notato un aumento di fatturato anche nel periodo estivo. Il che vuol dire che serve anche come incentivo a far lavorare in maniera corretta e non in nero e incentivare i giardinieri professionisti“.

Sbloccare il Bonus Verde anche per i prossimi anni e attivare il baratto amministrativo (che consentirebbe di pagare le tasse o eventuali debiti con il fisco con lavori socialmente utili compresi quelli legati al green) sono quindi due aspetti che l’Italia non dovrebbe sottovalutare per avviarsi verso una sostenibilità di fatto e non di parole.

Condividi: