Home Imprese Sostenibili Ce Lab, laboratorio di sviluppo di aziende in modalità economia circolare

Ce Lab, laboratorio di sviluppo di aziende in modalità economia circolare

città: Milano - pubblicato il:
ce lab innovation

5 miliardi di euro e un laboratorio di sviluppo: l’economia circolare italiana può ben sperare. A Milano è stato appena presentato un progetto di Fondazione Cariplo e Intesa SanPaolo, che hanno unito le forze per dare vita al Ce Lab, un vero e proprio laboratorio per lo sviluppo di aziende in modalità economia circolare.

Nel frattempo Banca Intesa SanPaolo ha annunciato la creazione di un plafond fino a 5 miliardi di euro per il periodo 2018-2021 con l’impegno di sostenere le Pmi e le grandi aziende che adottano il modello circolare con modalità innovative. Per ora non sono noti altri dettagli, ma pare che verranno concesse le migliori condizioni di accesso al credito.

Il Ce Lab: di cosa si tratta

Il Ce Lab è stato presentato ieri e avrà sede presso la Cariplo Factory di Milano, realtà nata due anni fa che punta sull’innovazione, sui giovani talenti e sull’incontro tra gli stakeholder, e che ha già creato – secondo alcune indiscrezioni – quasi 9mila opportunità di lavoro sulle 10mila previste nei primi tre anni.

All’evento di presentazione, che ha fatto il tutto esaurito, ha partecipato anche Ellen MacArthur, ex velista inglese e fondatrice dell’Ellen MacArthur Foundation, ente sorto nel 2009 e diventato punto di riferimento quando si parla di circular economy.

È così che si apre un nuovo ventaglio di possibilità per diversi attori: startup, Pmi, grandi imprese, Università e Istituzioni saranno i destinatari di iniziative di open innovation all’interno del Ce Lab, in modo da creare valore e crescita, tramite l’esplorazione e l’accelerazione di soluzioni di economia circolare.

Oltre all’open innovation altri due pilastri ugualmente importanti: rendere il Lab un fulcro primario dell’economia circolare tramite la divulgazione e la promozione dei principi di circolarità e favorire le opportunità di business.

Ma non è tutto: Mario Costantini, direttore generale di Intesa SanPaolo Innovation Center, ha affermato che “Intesa SanPaolo ha deciso di mettere a disposizione – nell’arco del piano d’impresa 2018-2021 – un plafond fino a 5 miliardi di euro per consentire alle imprese più innovative della circular economy di accedere al credito alle migliori condizioni possibili“.

La selezione avverrà secondo criteri definiti dall’Intesa SanPaolo Innovation Center e dalla Fondazione MacArthur, basati su cinque modelli di circolarità: allungamento della vita del prodotto, utilizzo di fonti rinnovabili, efficienza nell’uso delle risorse, riciclabilità e livello di innovazione tecnologica.

In quest’ottica di opportunità, Ellen MacArthur ha evidenziato che il riuso e il riciclo sono solo una piccola parte del concetto di economia circolare. In pratica solo l’ultimo miglio. Il riferimento va all’importanza dell’eco-design, ovvero della progettazione sin dall’inizio di prodotti e servizi in ottica di riuso: “e l’Italia è famosa per le sue capacità in tema di design“.

Sarà che siamo nella settimana del fashion, ma secondo Massimiano Tellini, Global Head of Circular Economy di Intesa SanPaolo Innovation Center, la moda sembra essere uno degli interlocutori privilegiati del Ce Lab.

Dall’incontro è emersa anche la necessità di far circolare in ottica open source le basi dei buoni progetto, in maniera che non si ricominci sempre tutto da capo.

Condividi: