Home Eventi Il verde nelle smart cities, se ne discute in un convegno a...

Il verde nelle smart cities, se ne discute in un convegno a Milano

città: Milano - pubblicato il:
il verde nelle smart cities

C’è grande attesa per il convegno organizzato dalla Consulta Esperti per l’Italia e da Assofloro Lombardia dedicato al tema del verde nelle smart cities.

Per la prima volta in Italia si accenderanno i riflettori su studi, esperienze e soluzioni tecnologiche che riguardano un aspetto ancora poco considerato del verde urbano: la capacità di parchi e viali alberati di migliorare il benessere sociale e individuale dei cittadini, ridurre il degrado e i fenomeni criminali.

Al convegno Il verde nelle smart cities. Parchi e viali alberati per il benessere delle città, contro degrado e criminalità. Ricerca, esperienze e innovazione tecnologica per una nuova visione del verde urbano del prossimo 15 ottobre interverranno rappresentanti delle istituzioni, ricercatori, criminologi, paesaggisti ed urbanisti, esperti di verde terapeutico.

Il verde nelle smart cities, i benefici sociali

I fenomeni violenti all’interno delle città hanno ripercussioni sulla salute fisica e mentale degli individui, cosi come hanno ripercussioni sulla vita sociale dei quartieri. Per prevenirli è necessaria un’analisi dei fenomeni sociali ma anche comprendere come le caratteristiche di un ambiente fisico possano incentivare o al contrario ridurre i fenomeni criminali.

Ricerche e studi su città americane documentano come semplici miglioramenti delle aree abbandonate possano rendere la vita all’interno delle città più sicura e tranquilla. Ma non mancano anche esperienze italiane; per esempio la riqualificazione del Parco delle Cave a Milano e – più di recente – l’area Porto di Mare a Rogoredo.

In città il verde può giocare un ruolo importante per rendere più sicure strade e piazze contro il terrorismo – come proposto dall’architetto Stefano Boeri ai sindaci e ai prefetti delle città europee dopo i tragici attacchi – vasi e fioriere con alberi collocati agli ingressi di piazze e spazi pubblici urbani al posto dei grigi new jersey, per proteggere il passaggio dei pedoni.

Anche perché un albero, diversamente da un manufatto in cemento, non solo protegge, ma fa ombra, assorbe con le foglie i veleni dell’aria urbana, ospita la vita di insetti e degli uccelli. In una parola, accoglie e protegge quella vita che i terroristi vogliono annientare.

Il verde ha effetti positivi sul comportamento delle persone, aumenta la capacità di autodeterminazione, migliora l’umore e le relazioni, migliora lo stato mentale grazie alla possibilità di dare sfogo attraverso il paesaggio.

Informazioni su Il verde nelle smart cities

Il convegno vuole accendere i riflettori su studi, esperienze e soluzioni tecnologiche su un aspetto ancora poco considerato del verde urbano: la capacità di parchi e viali alberati di migliorare il benessere sociale e individuale dei cittadini.

Offre inoltre crediti formativi ai seguenti professionisti.

  • Ordine degli Avvocati: 2 crediti congrui ai sensi e per gli effetti del Regolamento per la formazione continua no. 6/2014
  • Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali: evento formativo partecipa al piano per la formazione professionale continua dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali ai sensi del Regolamento CONAF 3/2013
  • Collegio dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati: evento formativo partecipa al piano per la formazione professionale continua dei Periti agrari e Periti agrari laureati adottato nella seduta del CNPAPAL del 16 Ottobre 2013
  • Collegio degli Agrotecnici e Agrotecnici Laureati: valido come riconoscimento di CFP-Crediti Formativi Professionali per gli iscritti al Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati

Il convegno si svolgerà il 15 ottobre presso l’Auditorium Assimpredil ANCE di Milano, dalle ore 14 alle 18. L’iscrizione è gratuita, con obbligo di registrazione online entro il 12 ottobre.

Condividi: