Home Eco Lifestyle Smoothie molto green quelli di Innocent

Smoothie molto green quelli di Innocent

città: Milano - pubblicato il: - ultima modifica: 9 ottobre 2018
smoothie innocent

Arriva in Italia, con uno stile BCorp, una nuova marca di smoothie. Stiamo parlando di innocent, bottigliette di frutta dai gusti anche esotici come mango, kiwi, cocco.

L’obiettivo, ovviamente è vendere tanto nella Gdo, molto nei punti vendita come Autogrill, ma a ciò aggiungere anche una serie di azioni che contemplano il rispetto dell’ambiente e il supporto ad associazioni locali. Pro bono, in questo caso.

Minimo impatto sull’ambiente” afferma Paolo Cavatorta, country manager innocent per l’Italia “ma massimo impegno a lasciare il segno nella società: tramite la Fondazione innocent, dal 2004 ogni anno l’azienda devolve il 10% dei propri profitti a organizzazioni benefiche a sostegno della lotta alla fame del mondo“.

Innocent, spiegano le strategie dell’azienda lavora ogni giorno per limitare il proprio impatto ambientale: la frutta impiegata viene trasportata esclusivamente via terra o via mare; i packaging – composti da una miscela di plastica riciclata e vegetale – sono completamente riciclabili, così come sostenibili sono anche le etichette di ciascuna bottiglietta.

Il dilemma rimane: consumare frutta fresca o smoothie confezionati? La pigrizia e il poco tempo della vita moderna fa si che gli smoothie diventino una valida alternativa anche per migliorare quei dati che rilevano come in Italia meno di cinque adulti su dieci assumono quotidianamente più di due porzioni di frutta o verdura (Fonte: Epicentro).

Una bottiglietta da 250 ml (presso dai 2,5 ai 3,5€) racchiude, in pratica, due delle cinque porzioni di frutta giornaliere raccomandate nell’ambito di una corretta alimentazione. Non mancano poi all’appello le vitamine oltre che un elevato contributo di fibre, essenziali per l’organismo a qualsiasi età. Chi rinuncia alla frutta per pigrizia o scomodità, ora non ha più scuse.

Negli smoothie innocent di fatto sono banditi i concentrati, i conservanti, e non dovrebbero neppure contenere acqua, coloranti o zuccheri aggiunti. Solo polpa di frutta per conservare tutti i nutrienti, fibre comprese, che andrebbero altrimenti persi in un semplice succo.

Essendo prodotti freschi e 100% naturali, gli smoothie innocent si conservano in frigorifero a una temperatura compresa tra 0 e 8 gradi e devono essere consumati nel giro di un paio di giorni dall’apertura.

Quattro i gusti che si trovano già sugli scaffali italiani. Buffi i nomi scelti per attrarre i consumatori: mega mango, li vuoi quei kiwi, fantastica fragola e cocco a chi tocca.

Con mega mango si fa un salto ai tropici per fare il pieno di vitamina C (57 mg pari al 72% RDA): oltre a un terzo di mango frullato – che dà il nome alla bottiglietta – ci sono mezza banana e uno spicchio di pesca (frullati anch’essi) e un tris di frutta spremuta (una mela, un terzo di arancia, uno spicchio di frutto della passione). La ciliegina sulla torta? Un goccio di succo di lime.

Li vuoi quei kiwi? Sì è l’unica risposta possibile: una volta assaggiato lo smoothie green di innocent non si tornerà più indietro. A far compagnia al kiwi frullato, anche una fetta d’ananas, tre quarti di mela spremuta, sette chicchi d’uva, succo di lime ed estratto di zucca e spirulina per un totale di 3,7 gr di fibre, cioè il 12% del fabbisogno medio giornaliero di un adulto.

Sette fragole frullate, mezza banana e mezza mela spremute, tredici – non uno di più e non uno di meno – chicchi d’uva bianca spremuti, una fetta d’arancia spremuta e sei ribes neri frullati: questi gli ingredienti di fantastica fragola che, in soli 250 ml, racchiude 6,5 mg (8,1%) di vitamina C, 0,8 gr di fibre e 0,5 gr di proteine.

Con cocco a chi tocca è il turno della frutta tropicale: l’ananas spremuto, la banana e il latte di cocco sono i protagonisti dello smoothie, accompagnati da una fetta d’arancia, un terzo di mela e un goccio di succo di limone.

Ovviamente, possono essere consumati anche in caso di intolleranza al lattosio e sono adatti anche a chi segue una dieta vegetariana o vegana. L’azienda assicura che non contengono allergeni.

Condividi: