Home Imprese Sostenibili Protezione delle infrastrutture critiche delle rete elettrica

Protezione delle infrastrutture critiche delle rete elettrica

città: Roma - pubblicato il:
Protezione delle infrastrutture critiche

Polizia di Stato e Terna hanno firmato un accordo per la protezione delle infrastrutture critiche delle rete elettrica e per aumentare la loro sicurezza.

Le parti coinvolte si impegnano a realizzare azioni sinergiche per incrementare la sicurezza e la protezione delle infrastrutture critiche di Terna; un accordo che si inserisce all’interno del Protocollo d’Intesa con il Ministero dell’Interno e della Convenzione fra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Terna.

L’obiettivo è quello di assicurare livelli di salvaguardia fisica delle stazioni e linee elettriche sempre più elevati, data l’importanza strategica delle infrastrutture elettriche per la vita e la produzione in Italia.

Il progetto prevede lo sviluppo e l’integrazione nell’infrastruttura Terna di un modulo appositamente realizzato e denominato Energy (NRG) della piattaforma tecnologica Mercurio per il controllo del territorio, di cui già si avvale la Polizia di Stato.

Il modulo Energy consentirà, in caso di necessità, l’invio tempestivo di segnalazioni di eventi geolocalizzati di intrusione nei siti critici di Terna, rendendo più rapido un eventuale intervento da parte della Polizia di Stato.

In questo modo verranno disciplinate tecnicamente le modalità di realizzazione del collegamento tra i sistemi di video allarme di Terna e le centrali operative delle forze di Polizia.

Inoltre, attraverso procedure mirate e strumenti informatici del proprio Security Operations Center (SOC), Terna favorirà uno scambio di informazioni e immagini con le Questure territorialmente competenti.

L’accordo fa seguito a un piano di cooperazione già avviato e finalizzato alla tutela di una delle maggiori infrastrutture strategiche del Paese costituita da oltre 72.000 km di linee in alta tensione e 873 stazioni elettriche, su cui transitano ogni anno circa 320 miliardi di kWh di fabbisogno elettrico nazionale.

I commenti all’accordo per la protezione delle infrastrutture critiche della rete elettrica

Siamo molto soddisfatti di questo accordo” ha commentato Luigi Ferraris, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna “che rappresenta un importante passo in avanti nel percorso di collaborazione già intrapreso da tempo con la Polizia di Stato. Garantire l’elevata sicurezza della rete di trasmissione nazionale è una priorità per noi. Grazie a questa intesa strategica migliorano e si snelliscono le attività relative alla tutela delle infrastrutture sensibili come quelle gestite da Terna per renderle sempre più sicure e affidabili attraverso l’innovazione dei sistemi di protezione e il prezioso know-how tecnologico messo a disposizione dalle Forze dell’Ordine“.

Il Prefetto Gabrielli ha affermato che: “La firma rappresenta per la Polizia di Stato un modo di interpretare in modo contemporaneo il proprio ruolo e le proprie responsabilità, che oggi riguardano anche la protezione delle infrastrutture strategiche del nostro Paese. La tecnologia ci consente di moltiplicare le risorse impiegate e le piattaforme di collaborazione pubblico-privato permettono di elevare gli standard di qualità dei servizi offerti“.

Condividi: