Home Imprese Sostenibili L’utility del futuro accumula energia dal Sole

L’utility del futuro accumula energia dal Sole

città: Milano - pubblicato il:
impianto fotovoltaico sonnen - energia accumulata dal sole

L’utility del futuro è di fatto una mega-batteria virtuale che rilascia energia accumulata dal Sole. Succede in Germania: piccoli prosumer, utenti domestici con un sistema fotovoltaico e una batteria di accumulo, collaborano con la loro mini-produzione di energia solare a far funzionare la più grande batteria virtuale del suo genere.

È questa la strategia messa a punto da sonnen che lavorando assieme al partner tecnologico, Tiko Energy Solutions, ha ottenuto la pre-qualificazione dal gestore del sistema di trasmissione TenneT a fornire servizi di bilanciamento utilizzando la propria rete di sistemi di accumulo residenziali.

La batteria virtuale progettata da sonnen è costituita da singoli sistemi di accumulo di energia installati in tutto il paese, ognuno dei quali può essere utilizzato per gestire il consumo di energia delle singole famiglie.

In più, quando si verificano fluttuazioni dei parametri elettrici della rete nazionale, queste migliaia di batterie si uniscono automaticamente formando una grande batteria virtuale su larga scala.

Energia accumulata dal Sole: ecco come funziona

Poiché ogni sonnenBatterie ha un diverso stato di carica, le diverse batterie vengono aggregate in blocchi da 1MW che sono poi resi disponibili al mercato.

Per i test di certificazione della batteria virtuale da parte di TenneT è stato scaricato e poi ricaricato un MWh sulla rete in soli 30 secondi. Superando il test la batteria virtuale di sonnen si è qualificata per la partecipazione al mercato di riserva primaria.

L’energia accumulata dal Sole della batteria virtuale può essere utilizzata per compensare nel più breve tempo possibile le fluttuazioni a breve termine della rete elettrica. Se queste modificano la frequenza di rete (nominalmente a 50Hz), i sistemi di accumulo di energia sono automaticamente in grado, in pochi secondi, di fornire energia alla rete o prelevarne a seconda di cosa venga richiesto in quel momento.

Finora sono state principalmente le centrali ad alto rilascio di CO2 a essere usate per i servizi di bilanciamento. L’accumulo residenziale sonnen in Germania contribuisce così ad accelerare la rimozione di queste centrali dalla rete.

Potrà succedere anche in Italia? In realtà, i contatti tra sonnen Italia e Terna sono ormai avviati. E tutto fa pensare che una nuova utility si farà presto strada anche nel nostro Paese.

Condividi: