Home Eco Lifestyle Giovani fashion designer formati alla sostenibilità

Giovani fashion designer formati alla sostenibilità

città: Milano - pubblicato il:
giovani fashion designer

La creatività dei giovani fashion designer incontra la sostenibilità. L’occasione di questo incontro è il progetto The Time is Now! che ha selezionato 16 studenti del terzo anno dei corsi di Fashion Design e Fashion Stylist delle principali sedi dello IED (Istituto Europeo di Design) in tutta Italia.

Il progetto è promosso dal Consorzio Italiano Implementazione Detox – CID e Greenpeace Italia con la volontà di sensibilizzare i futuri giovani fashion designer, che andranno a lavorare nelle aziende, verso una moda sostenibile e l’economia circolare attraverso l’utilizzo di materie di recupero e capi rigenerati a partire dalla progettazione.

I giovani fashion designer, provenienti da tutta Italia, sono stati scelti in occasione di un casting organizzato in IED Firenze e presieduto da una giuria composta da Andrea Cavicchi, Presidente Consorzio Detox, Igor Zanti, Direttore IED Firenze, Sara Azzone, Direttore IED Moda Milano, Paola Pattacini, Direttore IED Moda Roma, Giovanni Ottonello, Art Director IED e Sara Sozzani Maino, Vice Direttore Progetti Speciali Moda Vogue Italia e responsabile del progetto editoriale di Vogue Talents.

Il gruppo di studenti selezionati sotto la direzione artistica di David Parisi e Alessia Crea, ex studenti IED e co-fondatori del brand Casamadre, saranno impegnati in un workshop che si terrà in occasione di Pitti Immagine Uomo a gennaio per sviluppare 5 capsule collection uomo ecologiche che verranno presentate a Pitti Immagine Uomo di giugno.

Gli studenti hanno mostrato una forte sensibilità verso la sostenibilità, ha spiegato Paola Pattacini, Direttore IED Moda di Roma, che si manifesta anche nel loro stile di vita.

Il progetto, che è stato accolto con molto entusiasmo, offre ai giovani fashion designer la possibilità di coniugare creatività e sostenibilità, elementi, si spera, sempre più legati fra di loro nelle produzioni del prossimo futuro.

Agli studenti sarà anche offerta la possibilità a gennaio di visitare alcune aziende del distretto di Prato impegnate in Detox per osservare come le buone pratiche entrano concretamente nella filiera produttiva.

Questo progetto prende il via dalla certezza che la sostenibilità nella moda è una necessità urgente e i professionisti di domani devono iniziare a considerarla elemento imprescindibile del loro lavoro e impulso verso l’innovazione, come sottolinea Chiara Campione, Head della Corporate and Consumer Unit di Greenpeace Italia: “se eliminare le sostanze chimiche pericolose dai nostri vestiti è considerato ormai un must da tanti brand e consumatori è adesso il momento di ridurre ulteriormente l’impatto della produzione tessile, aumentare la qualità, longevità e riciclabilità dei vestiti del futuro. The Time is Now! promette nuove idee e tanta innovazione“.

Condividi: