Home Green Jobs Avete progetti sportivi? ErasmusPlus li finanzia

Avete progetti sportivi? ErasmusPlus li finanzia

città: Milano - pubblicato il:
ErasmusPlus

Con un budget di 48,6 milioni l’Europa pensa allo sport. L’opportunità è lanciata agli imprenditori dello sport: entro il 4 aprile avranno modo di presentare progetti di livello internazionale alla Commissione Europea: è quanto promette il programma europeo ErasmusPlus – azione per lo Sport, presentato in Regione Lombardia con un Infoday totalmente dedicato (la Commissione Europea replicherà la stessa giornata a Bruxelles il prossimo 5 febbraio).

Gli esempi concreti non mancano, come il progetto franco-belga Obesity District North Hainault realizzato tra il 2010 e il 2012 che, beneficiando dei fondi del programma Interreg IV France – Wallonia e per un totale di 165mila euro, ha messo insieme sport e medicina per affrontare il tema dell’obesità.

O come quello che ci porta oltreoceano, in Nuova Zelanda con il progetto Body Pump, finanziato con i Fondi Europei di Investimento Strategici (Feis), che affiancando la musica allo sport con un approccio business oriented, ha avuto effetti anche in Italia con la creazione di imprese.

E giusto per fare qualche nome diverse palestre GetFit hanno adottato il modello Body Pump.

Insomma, con ErasmusPlus lo sport è finanziato per migliorare la vita dei cittadini europei. Per creare una società più resiliente. E anche più sana.

Alla base un denominatore comune: sinergie tra stakeholder audaci, intraprendenti, lungimiranti che hanno portato alla luce progetti internazionali realizzati grazie alla complementarietà tra fondi e con il supporto dei servizi messi a disposizioni dalla Banca Europea degli Investimenti, la Bei, e dagli istituti di credito accreditati presso la Bei per i fondi Feis.

Il prossimo settembre, l’Ue dedicherà allo sport un’intera settimana di eventi. Sotto il capello della Settimana europea dello Sport 2019 si punta a sensibilizzare la pratica dello discipline sportive, per favorire l’inclusione sociale e le nuove forme di imprenditorialità innovativa che ne potranno scaturire, riscoprendo l’interdisciplinarità dello sport.

Condividi: