Home Eco Lifestyle Nymby o Pimby? Al via un premio di Fise Assoambiente

Nymby o Pimby? Al via un premio di Fise Assoambiente

città: Roma - pubblicato il:
nimby - pimby - fise assoambiente

Dopo il Not in my back yard – Nimby – ecco arrivare il Please in my back yard – Pimby. L’acronimo è di Fise Assoambiente (associazione che rappresenta le imprese che operano nel settore dell’igiene urbana, riciclo, recupero e smaltimento di rifiuti urbani e speciali, nonché bonifiche) che punta il dito sulle opere pubbliche, al di là della Tav.

La sindrome Nymbi (Not in my back yard) sarebbe, infatti, alla base del blocco di circa 300 impianti in costruzione in Italia. Infrastrutture che secondo la voce di Fise Assoambiente sarebbero necessarie per lo sviluppo e il rilancio industriale nazionale.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica, dunque, l’associazione ha ideato un premio. E lo ha voluto battezzare Pimby (Please in my back yard) Green. Obiettivo: valorizzare i processi decisionali basati su una visione strategica del bene comune e su un atteggiamento costruttivo nel rispetto del territorio, dell’ambiente e del confronto partecipativo.

Potranno concorrere pubbliche amministrazioni, imprese, ma anche divulgatori e giornalisti che si sono distinti nel campo di energia, gestione rifiuti, trasformazioni del territorio, per la realizzazione di impianti tecnologicamente avanzati; il confronto, il dialogo e la partecipazione tesa a creare coinvolgimento positivo e responsabile dei cittadini; la pubblicazione di articoli e contenuti scientifici che hanno contribuito a diffondere un’informazione trasparente e scientifica contraria all’opposizione aprioristica a qualsiasi opera.

Un focus specifico riguarderà il settore della gestione rifiuti, seconda (dopo quello dell’energia) vittima preferita delle contestazioni Nimby, che prendono ormai di mira non solo gli impianti di smaltimento, ma anche quelli di riciclo, come quelli che realizzano il compost.

Le iscrizioni sono aperte e le candidature dovranno essere inviate entro il 31 maggio 2019 alla casella e-mail [email protected]. Dal 1° giugno la giuria, composta da rappresentanti dell’associazione e del mondo industriale e scientifico, vaglierà le candidature e decreterà i vincitori, premiati nel corso di un evento promosso dall’associazione a Roma il prossimo 3 luglio.

Condividi: