Home Eventi Restyling Porta Genova, continua l’azione di Piazze Aperte

Restyling Porta Genova, continua l’azione di Piazze Aperte

città: Milano - pubblicato il:
restyling porta genova

Restyling Porta Genova: in occasione della settimana del Fuori Salone milanese, un’azione di cittadinanza attiva si darà da fare per ripulire e per far riemergere, in modo innovativo, le potenzialità di una delle location più conosciute di Milano.

Via ai lavori: il 28 marzo si comincerà con la tinteggiatura della pavimentazione stradale; lo spazio di fronte alla stazione e alla via limitrofa sarà interamente ricoperto da strisce bianche e blu di varia lunghezza e dimensione.

L’impatto finale, insieme alla già avvenuta istallazione di panchine, vasi, rastrelliere, all’aumento dei posti per il bike sharing e allo spostamento della stazione taxi, sarà quello di una grande e gioiosa area pedonale.

A coronamento del risultato finale, inoltre, verrà svolto un lavoro di pulizia del muro di cinta dei binari di via Ventimiglia, fino alla passerella di via Tortona, e il Dazio di via Valenza. Il nuovo volto di Porta Genova sarà pronto per la Design Week e la data della sua inaugurazione è stata fissata per sabato 6 aprile.

Restyling Porta Genova, l’impegno concreto dei cittadini

Una bellissima iniziativa di cittadinanza attiva e partecipata che, dopo Piazza Dergano e Angilberto II, fa entrare anche Porta Genova nel progetto del Comune di Milano Piazze Aperte, realizzato in collaborazione con Bloomberg Associates e con il supporto di Nacto Global Designing Cities Initiatives.

Un progetto che però non arriverebbe a termine senza i patti di collaborazione: i volontari dell’associazione onlus Retake Milano, con il supporto tecnico del Colorificio Sammarinese, coordineranno l’attività di Restyling Porta Genova con l’obiettivo comune di riqualificare lo spazio pubblico.

Tutti i cittadini volonterosi potranno partecipare iscrivendosi all’evento attraverso la piattaforma Volontari energia di Milano, in collaborazione con CiEsseVi, i dipendenti di Bloomberg e di CBRE, partner dell’associazione.

Sarà un lavoro di grande portata e, per questo, altrettanto stimolante: siamo convinti che non bisogna mai abituarsi al degrado urbano ma piuttosto combatterlo con valide alternative come queste dell’urbanismo tattico” racconta Retake Milano, associazione che collabora anche con i progetti di riqualifica urbana proposti dal Comune di Milano, dicendosi “sicura degli immediati benefici e del messaggio di senso civico che l’iniziativa è in grado di diffondere attraverso la partecipazione attiva dei cittadini“.

Condividi: