Home Eco Lifestyle Energy4blue, Eon si tuffa a fianco di Legambiente

Energy4blue, Eon si tuffa a fianco di Legambiente

città: Milano - pubblicato il:
energy4blue

Dipendenti e clienti potranno contribuire alla salvaguardia del Mar Mediterraneo nella lotta del beach litter con il progetto Energy4blue

Pulizia delle spiagge dai rifiuti e dalla plastica; difesa della biodiversità e promozione di comportamenti sostenibili oltre a futuri investimenti nella ricerca a favore delle soluzioni che aiuteranno a ripulire i mari.

Sono questi i punti salienti della nuova iniziativa Energy4Blue di Eon Italia a tutela dell’ecosistema marino. A fianco di Legambiente, Eon intende coinvolgere sia i dipendenti (lo scorso weekend in azione in Liguria a fare la propria #trashchallenge sulle spiagge dell’Isola di Palmaria) sia i clienti.

Péter Ilyés, Ceo della sussidiaria italiana è in prima linea su questo progetto che potrebbe essere adottato anche dalle altre filiali europee.

Ma cosa può fare in questo caso il cliente di Eon? Energy4blue assicura, in nome di chi accende un contratto Eon LuceBlu, di devolvere un corrispettivo per la pulizia di 10 metri lineari di spiaggia.

Ma il progetto Energy4blue riguarda anche la tutela delle tartarughe nei centri di recupero di Legambiente aperti a tutti di Manfredonia (FG) e Talamone (GR) cui si va aggiungere quello di Pioppi in Campania.

Non è un caso che il progetto Energy4Blue abbia una tartaruga come mascotte.

Stiamo studiando anche un progetto per il finanziamento di startup innovative che sviluppino soluzioni per la protezione dei mari” puntualizza Davide Villa, chief marketing officer di Eon Italia.

Ma anche il welfare aziendale ne guadagna. Eon Italia è sulla strada del plastic free: per ora si impegna a eliminare gradualmente l’uso della plastica per il consumo di bevande.

Anche i gadget aziendali saranno scelti con una nuova cura. Con buona pace di circa 200.000 oggetti di plastica che non saranno più utilizzati.

Per comprendere appieno la portata dell’inquinamento del Mar Mediterraneo, area in cui insisterà il progetto Energy4blue, invitiamo il lettore a scaricare il podcast di Green Planner e ad ascoltare i dati espressi nel rapporto Beach litter 2019 di Legambiente.

(download file .mp3)

Condividi: