Home Imprese Sostenibili La grande rivoluzione del V2g – Vehicle to Grid

La grande rivoluzione del V2g – Vehicle to Grid

città: Milano - pubblicato il:
vehicle to grid

Il V2g, Vehicle to Grid, riserva risvolti tecnologici e di business di grande impatto. Un test sul campo di Rse, EnelX e Nissan Italia ne valuterà la bontà e le opportunità anche per il nostro Paese

È una grande rivoluzione quella che potrebbe presentarsi a breve sulle nostre strade dove le auto elettriche si trasformeranno in portatori – e non solo più consumatori – di energia. È quanto intende fare il V2g, ovvero il Vehicle to Grid.

Le auto elettriche dotate di sempre più potenti batterie (da 40 si tenderà ai 100 kWh) potranno immagazzinare energia e rilasciarla in caso di necessità per stabilizzare la rete elettrica.

La trasformazione epocale la prevede Maurizio Delfanti, amministratore delegato di Rse nonché professore ordinario di Sistemi Elettrici al Politecnico di Milano.

Ce ne parla in occasione del lancio di un nuovo progetto sperimentale che ha appunto intenzione di fare luce sulle tecnologie, ma anche le procedure del V2g. Da qui a 18 mesi Rse, infatti, analizzerà le potenzialità di un sistema di Vehicle to Grid in azione.

Vehicle to Grid: le potenzialità della sperimentazione in Italia

Le potenzialità sembrano enormi, soprattutto in vista della diffusione dell’elettrico e dell’ibrido di seconda generazione con 5/6milioni di veicoli ad alimentazione elettrica, di cui 1,6 milioni elettrici puri: immaginatevi una disponibilità energetica in movimento proveniente da fonti rinnovabili capace di arrivare là dove ce n’è più bisogno.

Perché, l’energia in futuro propende per l’intermittenza (l’apporto delle energie rinnovabili ha questa contropartita) e sarà, quindi, una corsa a tutto quello che garantirà accumulo e stabilità.

Ecco. Tutto questo sarà sperimentato in Rse con l’ausilio di EnelX e Nissan. La prima ha fornito l’infrastruttura di ricarica bidirezionale. La seconda ha messo a disposizione due Nissan Leaf.

Piace molto il V2g a Nissan. Lo dimostrano le varie sperimentazioni in giro per il mondo. In Europa, le Nissan Leaf sono già usate in modalità Vehicle to Grid in Danimarca dove a Copenaghen, la società energetica Frederiksberg Forsyning ha installato 10 unità Enel V2g e aggiunto alla propria flotta 10 Nissan e-NV200, van 100% elettrici.

Quando non sono in uso, i veicoli commerciali possono essere collegati alle unità V2G per ricevere o cedere energia alla rete elettrica nazionale, e, attraverso la piattaforma di aggregazione di Nuvve, si trasformano in soluzioni energetiche mobili, contribuendo a stabilizzare la rete elettrica danese.

È questo un modello che potrebbe essere sperimentato anche in altre formule. Perché da una parte ci sta la tecnologia, ma dall’altra anche le modalità di fruizione e di sharing dell’energia accumulata. È tutto ancora da inventare.

Ma le prospettive rosee non mancano. Mancano invece le direttive e gli aspetti regolatori che permettano l’introduzione del V2g in Italia.

Vehicle to Grid - aspetti regolatori

Ma gli addetti ai lavori sono ottimisti. La rivoluzione, in fondo, è in atto…

Condividi: