Home Imprese Sostenibili Trasporto passeggeri a idrogeno per Venezia, arriva Hepic

Trasporto passeggeri a idrogeno per Venezia, arriva Hepic

città: Venezia - pubblicato il:
hepic battello a idrogeno

Proposte green per il trasporto nautico di Venezia: al salone nautico da poco concluso ha suscitato molto interesse Hepic, un’imbarcazione a idrogeno per il trasporto passeggeri

Innalzamento delle acque, grandi navi che minacciano la laguna, inquinamento e gestione sostenibile del turismo: le sfide – ma anche le grandi opportunità – di una città come Venezia sono sotto gli occhi di tutti; crescono però anche le proposte green per la città, che raccolgono sempre interesse da parte dei cittadini e degli operatori.

Tra queste ha suscitato molta curiosità Hepic – imbarcazione ecosostenibile lunga 16 metri e larga 3,2 metri che può ospitare 24 passeggeri – presentata nel corso del salone nautico all’Arsenale della Serenissima, da poco conclusosi.

Hepic è un’imbarcazione a idrogeno, progettato per il trasporto passeggeri nella Laguna di Venezia, realizzato in 24 mesi grazie a un investimento privato iniziale di Alilaguna e Cantieri Vizianello di circa 1,5 milioni di euro, cofinanziato al 55% ai sensi di un Accordo di Programma tra la Regione del Veneto e il Ministero per l’Ambiente e la Tutela del Territorio e del Mare.

I vantaggi ecologici dell’imbarcazione sono numerosi: Hepic naviga completamente a energia elettrica, con emissioni zero, grazie all’assenza di un motore endotermico. Silenzioso, senza inquinamento acustico prevede un backup elettrico in eventuale caso di avaria.

Allo stato attuale gli unici problemi sono di carattere normativo come sottolineato dal Presidente di Alilaguna, Fabio Sacco: “Hepic non può ancora navigare per le acque lagunari perché è una novità in ambito marittimo e sussiste un gap normativo per le imbarcazioni alimentate a Fuel Cell che trasportano idrogeno a bordo a livello nazionale, mentre all’estero le normative si stanno adeguando o si sono già adeguate.

La normativa vigente regolata dalla Capitaneria di Porto impone la presenza a bordo dell’imbarcazione di un motore endotermico. Per questo motivo sono in corso le sperimentazioni necessarie per ottenere l’approvazione alla navigazione da parte del RINA (Registro Italiano Navale). Speriamo di ottenerle presto per dare una accelerata sul fronte della navigazione ecosostenibile“.

Alilaguna è una società di navigazione privata attenta alla sostenibilità: già nel 2010 aveva varato Energia, un battello dotato di un motore elettrico che viene azionato tramite l’energia accumulata nelle batterie.

Condividi: