Home Eco Lifestyle Inaugurato a Milano il primo condominio smart

Inaugurato a Milano il primo condominio smart

città: Milano - pubblicato il:
condominio smart - benefici energetici

Inaugurato il condominio smart a Milano, alte prestazioni, emissioni dimezzate, risparmio energetico del 59%, comfort abitativo garantito e controllato

I lavori di ristrutturazione del condominio smart in zona Porta Romana comporteranno prestazioni energetiche migliori e più efficienti: una temperatura più uniforme tra appartamenti con diverse esposizioni, il taglio dei picchi, un’umidità relativa costante, che comporta una gestione più efficiente degli impianti di climatizzazione invernale e un maggior benessere estivo anche senza impianto di aria condizionata.

Vi proponiamo un reportage realizzato da un diretto interessato, Franca Castellini Bendoni, che vive nel condominio smart a Milano.

Il grande lavoro di ristrutturazione è incominciato nell’aprile 2018, ma è stato preceduto da vari mesi prima per conoscere poi per approfondire tutti gli aspetti di quello che fin da subito è apparso, ed è, un notevole investimento: dai primi incontri di codesign con il gruppo Sharing Cities, alle discussioni interne su soluzioni, dubbi, timori: infatti, la parte più critica è stata quella di presentare, nelle varie assemblee condominiali, le diverse fasi dei lavori, costi previsti e benefici attesi, agevolazioni fiscali e poi di prendere la decisione di procedere.

Gli aspetti che hanno pesato di più per la scelta definitiva sono stati molteplici: l’anzianità dello stabile che aveva bisogno di una manutenzione non ordinaria e che avrebbe avuto un notevole incremento di valore da una ristrutturazione con metodi e prodotti davvero innovativi, l’esigenza di eliminare l’amianto nelle coperture del tetto, una caldaia sovradimensionata da sostituire comunque tra pochi anni, il fotovoltaico sul tetto in grado di soddisfare i consumi delle parti comuni, i risparmi attesi nelle spese generali e l’importante contributo a fondo perduto della UE a copertura di oltre un quarto del costo totale. Per non parlare degli incentivi fiscali individuali, dal 50 al 70%.

condominio smart - prima e dopo

È stato molto importante dotarci di una commissione (i 5 consiglieri più un ingegnere, un avvocato e una commercialista) che si è interfacciata costantemente con il direttore dei lavori, scelto dopo una selezione fra 5 candidature e con i condòmini delle rispettive scale per aggiornare e raccogliere eventuali suggerimenti (e anche le critiche e le lamentele).

I disagi ci sono stati, soprattutto durante l’estate scorsa, chiusi in casa dietro i ponteggi e le coperture con il gran caldo esterno che martellava. Ma in fondo in un anno è stato fatto tutto.

Già oggi c’è un importante risultato concreto: i costi di riscaldamento dell’inverno scorso si sono dimezzati, il riscontro sul confort interno è del tutto positivo. Inoltre, l’intero condominio è passato da classe energetica E a classe C, un incremento che si riflette anche sul valore economico del complesso.

E, in fondo, la consapevolezza di aver investito bene nella nostra casa, diventata sicuramente più bella e accogliente. “Caspita, sembra nuova!” il commento di amici e di chi ci è venuto a trovare.

Ha collaborato Franca Castellini Bendoni

Condividi: