Home Smart City La mobilità nuova si fa sempre più sinergica: Free Now si integra...

La mobilità nuova si fa sempre più sinergica: Free Now si integra in Moovit

città: Milano - pubblicato il:
free now - mobilità condivisa

Da oggi MyTaxy, l’app per la prenotazione dei taxy, cambia nome e look e diventa Free Now attivando anche una collaborazione con Moovit

La mobilità sostenibile si fa sempre più sinergica perché l’utente richiede servizi sempre più semplici da usare e sempre più connessi tra loro per arrivare a destinazione senza problemi, nel modo più semplice possibile.

La semplicità è infatti la chiave di volta del successo delle applicazioni di sharing mobility – come Free Now che ha preso il posto di MyTaxy nella riorganizzazione dei servizi di mobilità avanzata della joint venture tra Daimler e Bmw – perché gli utenti si sentono stressati quando devono spostarsi all’interno delle città odierne e vogliono invece arrivare a destinazione con il minor numero di problemi possibili.

Ecco allora che, integrando Free Now in Moovit – opzione attiva in contemporanea con il lancio del nuovo brand – chi viaggia in città avrà ancora più opzioni per una gestione senza stress del primo e dell’ultimo miglio del percorso, integrando all’uso dei mezzi pubblici anche la possibilità di prenotare un taxy se i tempi di attesa sono troppo lunghi o se la destinazione è distante dalle fermate.

Free Now è presente in Italia in sette città (Milano, Roma, Torino, Napoli, Catania, Palermo e Cagliari) con una flotta di circa 4.500 taxisti registrati. Il passaggio da MyTaxy alla nuova app sarà trasparente per l’utente che al primo aggiornamento si troverà nel nuovo ambiente mantenendo il proprio account e le proprie impostazioni.

Il rebrand odierno non riguarda però soltanto nome e marchio, ma introduce il nuovo posizionamento aziendale che, in futuro e in base ai singoli contesti locali, porterà Free Now a integrare altri servizi di mobilità all’interno dell’app, allargando i suoi orizzonti come fornitore di mobilità ad ampio raggio.

Infatti l’azienda ha annunciato che nei prossimi mesi integrerà in Free Now anche i monopattini elettrici in condivisione di hive (in Portogallo, Polonia e Austria) ma, anche in base alla disponibilità e al contesto legislativo dei singoli mercati, altre opzioni di mobilità verranno integrate in futuro.

Condividi: