Home Eco Lifestyle Nuovi progetti di sostenibilità per Zalando

Nuovi progetti di sostenibilità per Zalando

città: Milano - pubblicato il:
zalando packaging sostenibile e riciclabile

Il colosso dell’e-commerce tedesco di abbigliamento Zalando vira verso la sostenibilità. Ha infatti annunciato l’introduzione di buone pratiche per ridurre l’impatto ambientale.

A cominciare dagli imballaggi che entro il 2020 saranno interamente sostenibili. L’obiettivo è anche quello di ridurre il volume degli imballaggi stessi e di utilizzare scatole riciclabili al 100% e buste composte per l’80% da plastica riciclata.

Questa iniziativa riguarda non solo i capi di abbigliamento ma anche la sezione beauty i cui imballaggi sono già stati convertiti nel corso di quest’anno dalla plastica alla carta riciclata.

È inoltre in corso un progetto pilota sugli imballaggi riutilizzabili che consisterà nell’introduzione di imballaggi che possano essere utilizzati più volte nei centri logistici dell’azienda: una volte restituite dai clienti, le scatole saranno riutilizzate per l’invio al cliente successivo.

Dal punto di vista ambientale, gli imballaggi riutilizzabili potrebbero diventare un punto di svolta per l’intero settore dell’e-commerce trainato dall’iniziativa di Zalando con una consistente riduzione di rifiuti e di emissioni di CO2.

Il messaggio è importante perché può raggiungere una vasta platea di consumatori e la speranza è quella che venga comunicato in modo incisivo.

A completamento di questa iniziativa volta alla sostenibilità sono stati introdotti 5 nuovi brand di eco-moda che vanno a completare l’offerta costituita da oltre 15.000 articoli di moda sostenibili, come quelli firmati Filippa K, Veja, Patagonia, Nudie e Mother of Pearl.

I marchi in questione sono: lo spagnolo Ecoalf che propone abbigliamento e accessori realizzati con filati derivati dai rifiuti che inquinano il Mediterraneo; l’olandese Mud Jeans, marchio di denim certificato sostenibile ed equo e solidale; le calze svedesi Swe-s; Girlfriend Collective, il brand statunitense di activewear e l’intimo Stripe+Stare realizzato con una microfibra derivata dal faggio.

In merito alla scelta di ampliare l’offerta di moda sostenibile Sara Diez, Vice Presidente Womenswear di Zalando spiega: “L’assortimento di moda sostenibile di Zalando è già uno dei più grandi disponibili in Europa, ma l’azienda ha appena cominciato! L’ambizione è fornire ai clienti un assortimento più ampio tra cui scegliere, informazioni più chiare per poter scegliere e tutta l’ispirazione di cui hanno bisogno per fare scelte più sostenibili. L’acquisizione di questi nuovi marchi è un passo importante nel nostro cammino e ci concentreremo per fare scelte sempre più sostenibili in termini di assortimento. Abbiamo appena iniziato. Questi cinque marchi soddisfano i nostri criteri di sostenibilità e altri seguiranno“.

Condividi: