Home Imprese Sostenibili Come rendere gli obiettivi di sviluppo sostenibile rilevanti, ogni giorno

Come rendere gli obiettivi di sviluppo sostenibile rilevanti, ogni giorno

città: Milano - pubblicato il:
obiettivi di sviluppo sostenibile

Nel 2015 alle Nazioni Unite i leader di 150 nazioni hanno deciso di promuovere azioni per lo sviluppo globale, il benessere umano e l’ambiente: sono stati così definiti 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals) e 169 sotto-obiettivi.

Contenuti nell’Agenda 2030 gli obiettivi di sviluppo sostenibile puntano a porre fine alla povertà, a lottare contro l’ineguaglianza e allo sviluppo sociale ed economico, riprendono aspetti di fondamentale importanza come combattere i cambiamenti climatici e costruire società pacifiche, entro l’anno 2030.

Oggi, finalmente, la crescente attenzione da parte dei consumatori, ha fatto sì che per le aziende sia divenuto sempre più centrale riuscire a dimostrare che lungo le loro supply chain – a partire dalla materia prima, fino al prodotto finito – viene creato valore sociale e ambientale.

Per i consumatori e per le aziende, tuttavia, non è sempre facile trovare la giusta strada e riuscire davvero a fare la differenza, perché le numerose iniziative di sostenibilità e i benchmark che ne misurano gli effetti possono creare confusione.

Ecco perché allora gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite possono garantire chiarezza e consistenza: una sorta di linguaggio comprensibile da tutti.

Ma come è possibile assicurarsi che questi obiettivi siano significativi e rilevanti per le aziende? Liz Wilks, Direttore Europeo Asia Pulp & Paper (APP), uno dei maggiori gruppi di produzione di carta e cellulosa del mondo, ha elaborato sei lezioni ricavate dall’esperienza della sua azienda lungo il percorso per l’adeguamento agli SDG.

Concentrarsi sugli obiettivi più rilevanti e sugli aspetti dove l’azienda può avere un impatto maggiore

In APP, abbiamo iniziato nel 2012 a costruire una nostra strategia di sostenibilità – la Sustainability Roadmap Vision 2020 – che ha delineato il nostro impegno alla deforestazione zero e che nel tempo è stata ulteriormente sviluppata.

L’arrivo degli obiettivi di sviluppo sostenibile ci ha permesso di far evolvere la strategia, rivedendo e rafforzando gli impegni, migliorando e spostando il focus là dove necessario, andando a identificare gli indicatori adatti per dimostrare il nostro contributo alla protezione delle comunità locali e alla conservazione degli ecosistemi – attività che altrimenti non sarebbero state valorizzate a dovere.

Ma, è importante concentrarsi concretamente sugli obiettivi in cui l’azienda può fare davvero la differenza. Per esempio, in qualità di produttori di carta, le nostre due principali sfide sono: conservazione ambientale (obiettivo 13, Lotta contro il cambiamento climatico e obiettivo 15, Vita sulla Terra) e sostegno allo sviluppo sostenibile delle comunità all’interno o vicino alle nostre concessioni (che include Obiettivo 1, Sconfiggere la povertà e Obiettivo 4: Istruzione di qualità).

Stabilire un piano a lungo termine e seguirlo con rigore

I risultati però non arrivano dalla sera alla mattina. La Roadmap Vision 2020 di APP, pubblicata nel 2012, rappresentava un vero e proprio percorso verso la sostenibilità, che implica monitoraggio e la gestione di 10 aree chiave per il nostro business e della supply chain in senso più ampio.

Successivamente, nel 2013 abbiamo lanciato la Forest Conservation Policy e, da quel momento, abbiamo interrotto la conversione delle foreste lungo tutta la supply chain.

L’arrivo quasi in concomitanza degli obiettivi di sviluppo sostenibile ci permette di semplificare ciò che sarebbe stato un articolato gruppo di messaggi da approfondirsi e svilupparsi lungo un periodo di tempo più lungo.

Superare i limiti e lavorare insieme agli altri per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile

Non puoi farcela da solo. Per fare davvero la differenza è opportuno lavorare in partnership, su larga scala e confrontarsi con altre realtà.

Dal 2012 APP ha rafforzato progressivamente le proprie azioni grazie al supporto e alla collaborazione con stakeholder esterni che hanno supportato il percorso di trasformazione dell’azienda. Uno su tutti, Earthworm (prima conosciuto come The Forest Trust) che collabora con APP dal 2012.

Crediamo che la chiave per sbloccare i progressi necessari per raggiungere gli obiettivi del 2030 sia stabilire delle landscape level partnerships (partnership a livello territoriale) attraverso le quali agenzie governative, comunità locali e altri stakeholder possano lavorare insieme condividendo l’obiettivo comune di conservazione forestale e riforestazione. In ogni caso, siamo consapevoli che c’è ancora della strada da fare prima di arrivare al traguardo.

Assicurarsi che anche i fornitori facciano la loro parte

Per rispettare il nostro impegno verso l’obiettivo deforestazione zero, ci assicuriamo che a tutti i fornitori siano in regola con il nostro Supplier Evaluation and Risk Assessment (SERA) e che seguano le nostre policy di fornitura responsabile e le nostre policy per gli acquisti (Responsible Fibre Procurement and Purchasing Policy – RFPPP).

Oltre a questo, tutti i fornitori devono implementare le pratiche di gestione sostenibile delle foreste, la cui valutazione viene effettuata con Earthworm. Assicurarsi che i fornitori facciano la loro parte è un must se si vogliono raggiungere gli obiettivi SDG.

Essere aperti e onesti riguardo ai progressi

Per raggiungere questi Global Goals, le aziende devono essere aperte e oneste riguardo i propri progressi. La trasparenza è vitale per un progresso sostenibile.

Preparare un Sustainability Report e aggiornarlo regolarmente può essere un buon punto di partenza, ma è possibile fare di più, con gruppi di lavoro con gli stakeholder che possano anche fornire input strategici o un sito web interattivo che tenga traccia dei progressi.

Ne è un esempio sul sito di APP la tecnologia di mappatura che mostra tutte le 38 aree in concessione. La mappatura degli obiettivi SDG, parallelamente ai propri obiettivi, consentirà di dimostrare chiaramente il contributo dato al raggiungimento dei Global Goal, in linea con le best practice internazionali.

Approfittare delle opportunità offerte dagli obiettivi di sviluppo sostenibile

I benefici etici e ambientali degli SDG sono evidenti e aiutano le aziende ad avere uno scopo per sé stesse e per i propri dipendenti. Ma possono anche favorire gli affari. Prima di tutto, gli obiettivi di sviluppo sostenibile hanno un impatto sulla supply chain perché sono condivisi e adottati a livello globale. Questo semplifica e agevola perché ci si muove tutti verso la stessa direzione.

In secondo luogo, i consumatori si aspettano che le aziende siano coinvolte attivamente e che non siano solo semplici spettatori. Un sondaggio di PWC ha rilevato che il 90% dei cittadini a livello globale ritiene che sia importante per le aziende aderire agli obiettivi di sviluppo sostenibile.

E il 78% dei cittadini ha riferito di avere maggiori probabilità di utilizzare i beni e i servizi di un’azienda che ha sottoscritto gli SDG. Quindi, c’è anche l’opportunità di comunicare l’adesione a questa causa sui prodotti finiti.

Per assicurarsi di fare la differenza, è essenziale avere una chiara tabella di marcia su come raggiungere gli obiettivi e misurarli man mano in maniera trasparente durante l’intero processo. Essere pragmatici è la chiave.

Condividi: