Home Eventi God is Green, il festival dedicato a verde urbano, cambiamento climatico e...

God is Green, il festival dedicato a verde urbano, cambiamento climatico e cibo del futuro

città: Firenze - pubblicato il:
god is green
fotografia di Francesco Lamonaca per God is Green

Dal 7 al 14 settembre, presso la Manifattura Tabacchi di Firenze, si svolgerà God is Green, il festival dedicato alla sostenibilità e al futuro

La kermesse fiorentina metterà al centro del programma di intrattenimento e di incontri il verde urbano, il cambiamento climatico e il cibo del futuro attraverso video arte, performance, market, laboratori, talk e cinema.

A Firenze, per God is Green si assisterà a otto giorni per cambiare prospettiva sul rapporto Uomo-Natura ed esplorare le tematiche legate all’ambiente e la nostra relazione con il Pianeta.

Gli eventi in programma si svilupperanno tra il cortile della Ciminiera e B9, il nuovo spazio dedicato alla cultura contemporanea di Manifattura Tabacchi (accesso da via delle Cascine 33 a Firenze): varie iniziative a ingresso libero per parlare alle famiglie, alle generazioni future, alle istituzioni e alle imprese.

Il programma musicale di God is Green

Michael Nyman, uno dei più grandi compositori viventi, sarà tra i protagonisti del festival, presentando a Firenze in anteprima mondiale l’opera Nyman’s Earthquakes, video installazione che sarà sonorizzata live dallo stesso Nyman.

Musica Interspecie di Plants Dub, un progetto basato su ricerca di bioacustica, botanica e sperimentazione musicale elettronica che connette i ritmi ipnotici del dub con le teorie della bioacustica, creando uno scambio musicale uomo-pianta in piena regola.

Il concerto di Plantasia ispirato alle composizioni elettroniche all’avanguardia dedicate alle piante e alla natura dell’album Mother Earth’s Plantasia di Mort Garson (1976), è portato in scena dai musicisti Sebastiano de Gennaro ed Enrico Gabrielli, co-founder dell’etichetta 19’40”, insieme a Damiano Afrifa e Luisa Santacesaria.

A esplorare il linguaggio della musica e delle arti performative saranno anche i Deproducers, progetto di Vittorio Cosma, Gianni Maroccolo, Max Casacci, Riccardo Sinigallia, nato per fare musica per conferenze scientifiche, interpretando la scienza come poesia

Gli eventi su Arte, Architettura e Cibo

Nel programma di God is Green si inserisce la mostra Art on Earth, che presenta le opere di Mychael Nyman, Andrea Cavallari, Nancy Burson, Giovanni Vetere e Matteo Pasin, allestite in un percorso che dal seminterrato di B8 di Manifattura Tabacchi arriva fino al sottotetto di B9.

Attraversando 3 spazi espositivi – Human, Earth e Starway – Art on Earth invita lo spettatore a riflettere sul rapporto Uomo-Natura, passando da una dimensione introspettiva fino ai confini dell’universo.

L’architettura e il ruolo del verde nelle nostre città e nelle nostre case sarà un altro dei temi chiave di questa edizione del festival, anche grazie alla significativa partecipazione di Stefano Mancuso, neurobiologo vegetale, che ha progettato per gli spazi di Manifattura Tabacchi un’innovativa Fabbrica dell’Aria, dispositivo sperimentale che assolve naturalmente il compito di purificare l’ambiente.

Spazio anche al cibo del futuro, con una particolare attenzione alle avanguardie e all’innovazione, tema evocato anche da una particolare installazione che vedrà protagonisti insetti, lumache e fiori edibili.

Condividi: